Zangrillo: “Noi meritiamo la B, i tifosi no”. Criscito: “Il Genoa tornerà in alto”

NAPOLI – “Mi assumo le responsabilità del mio ruolo e dico ai tifosi che comprendo perfettamente il loro dolore”. Alberto Zangrillo, presidente del Genoa, dopo la sconfitta di Napoli ammette che qualcosa non ha funzionato nella stagione rossoblù, ora che la retrocessione è praticamente cosa fatta. “Riconosco gli sforzi di tutti, in primis di squadra e staff, ma il vero valore del Genoa sono i tifosi e i colori, il resto non conta. La squadra andrà rinforzata in ogni settore, è inutile che io mi metta lì a cercare di coprire di congetture quello che sarà il futuro. Oggi sono particolarmente colpito ed è inutile far finta di non esserlo. Quando vedi un pubblico come il nostro è inutile cercare di andare lontano con i pensieri, dobbiamo loro delle risposte. Se vogliamo continuare a essere da Genoa dobbiamo ammettere i nostri errori, essere consapevoli che avremmo potuto correggere in tempo degli errori, con dei segnali che non abbiamo colto”.

La colpa è nostra

Nessun giro di parole da parte di Zangrillo: “La colpa è la nostra, chiedo scusa e abbraccio idealmente tutti i tifosi perché abbiamo tradito le loro aspettative nonostante gli sforzi della squadra. Abbiamo perso partite che non dovevamo perdere e se una squadra non segna e non vince merita la Serie B. Anche se la prossima partita è ancora da giocare e ci sono i frati indovini che cercano di vedere che c’è una sopravvivenza ancora teorica, il Genoa merita la B. I tifosi no. Abbiamo un progetto condiviso con la proprietà a novembre e io a quello mi richiamo. Non è questione di conferme e addii, noi ci siamo richiamati sei mesi fa a questa idea e dobbiamo onorarla. Il Genoa resta il Genoa anche in Serie B, al di là di conferme o meno”.  

Il mea culpa di Criscito

Capitan Domenico Criscito non si sottrae ai microfoni di Dan: “Ho un altro anno di contratto, poi non so se la società vorrà parlare con me, io sono a disposizione. Come squadra e società abbiamo fatto tanti errori, sin dal ritiro, oggi ne paghiamo le conseguenze. La tifoseria anche oggi è stata eccezionale, ci supporta, i tifosi vengono in trasferta e in casa ci danno una grande mano. Peccato non aver regalato una gioia a questa gente. Oggi secondo me abbiamo fatto una mezz’ora di alto livello, se arrivi davanti alla porta e non fai gol è difficile, specialmente contro una squadra che ha attaccanti che non perdonano. Sono arrivati 4-5 giorni nell’ultimo giorno di mercato, poi se cambi tre allenatori vuol dire che qualcosa non va e queste sono le conseguenze. Speriamo di tornare in alto perché la nostra gente non merita la B”. 

Zangrillo: "Noi meritiamo la B, i tifosi no". Criscito: "Il Genoa tornerà in alto"Fonte Repubblica.it

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments