Vlahovic dà l’assalto al titolo dei cannonieri: i consigli del maestro Allegri

TORINO – Il momento più interessante dell’allenamento odierno della Juventus, aperto al pubblico e agli addetti ai lavori, è arrivato nel finale, quando gran parte dei bianconeri erano nella pancia del JTC dopo la sessione tecnica. Vlahovic si è sottoposto ad un extra lavoro in compagnia di Pinsoglio e di Max Allegri: il serbo si è fermato a provare le conclusioni da fuori area, con il compagno di squadra a difendere la porta. Un passaggio a Vlahovic nel semicerchio dell’area di rigore, lo stop e la conclusione da fuori sotto lo sguardo attento dell’allenatore: il tecnico si è soffermato spesso a dare consigli al suo bomber, su come stoppare il pallone per abbreviare il gesto tecnico e rendersi ancora più pericoloso, su come recuperare l’equilibrio immediatamente dopo lo stop. A fare da sottofondo il rumore del pallone contro i cartelloni pubblicitari, o quello sordo della palla che si insacca in rete, lo stesso che Vlahovic ha già ascoltato dal vivo sei volte in campionato con la maglia della Juventus.

Il momento di Vlahovic

Inevitabile fare una premessa analizzando il momento di Vlahovic: nonostante i 4 gol di vantaggio di Immobile, il serbo è ancora in corsa per il titolo di capocannoniere e con tre partite da giocare l’obiettivo non è semplice ma neanche impossibile. Difficile quindi giudicare anche solo sufficiente l’annata che l’ha lanciato nel grande calcio prima con la maglia della Fiorentina quindi con quella bianconera. Tuttavia la media del serbo è passata da 0,77 a 0,5 reti a partita: la Juventus concretizza solo un’occasione su dieci create e lo fa raramente (cinque volte, ndR) da fuori area. La sensazione è che il decimo attacco della Serie A abbia influito su Vlahovic più di quanto lui sia stato in grado di curare l’astinenza da gol. Ecco perché spesso l’ex viola si concentra sull’allenamento individuale, supportato dallo staff tecnico: con tre partite da giocare in campionato e la finale di Coppa Italia con l’Inter, il tempo e il modo per zittire i primi critici non manca affatto.

L’allenamento

La Juventus si è allenata in vista della partita di venerdì sera a Marassi contro il Genoa, sfida che per i bianconeri non ha alcun significato per la classifica mentre per i rossoblù rappresenta quasi un’ultima spiaggia, vista la media punti tenuta dalla Salernitana nelle ultime uscite. Sarà comunque una partita fondamentale, però, in vista della finale di mercoledì prossimo all’Olimpico contro l’Inter, visto che nell’allenamento di oggi sono arrivate buone notizie dall’infermeria. Hanno svolto lavoro atletico i due esterni De Sciglio e Cuadrado, che potrebbero tornare a disposizione già dalla sfida con il Genoa, mentre procede spedito il recupero di Locatelli, che si è allenato a parte ma ha destato buone impressioni. Si è rivisto anche McKennie, arrivato alla fine della seduta per correre e provare a rientrare almeno per l’ultima di campionato.

Vlahovic dà l'assalto al titolo dei cannonieri: i consigli del maestro AllegriFonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments