Villarreal, Emery: “La Juventus è tra le favorite per la vittoria della Champions”

TORINO — Unai Emery allo Stadium ci è già stato due volte: nel 2014 ha vinto un’Europa League con il Siviglia, battendo ai rigori il Benfica, e nel 2015 ha perso per 2-0 in Champions alla guida degli andalusi “in una partita in cui ci concessero pochissime opzioni di gioco e ancora meno di vittoria”. Ora la Juventus è diversa, “ma continua a essere una squadra che concede pochissimo”. Emery ripete almeno tre volte che “i favoriti sono loro”, ma “ci siamo preparati per poterli battere”.

Emery, il Villarreal si sente all’altezza di questa sfida?

“La squadra sta bene, sta mantenendo un livello di qualità alto. All’andata siamo stati capaci di competere con il potenziale della squadra avversaria e di resistere quando non abbiamo potuto mostrare le nostre credenziali. Siamo sfavoriti, la Juventus è un’aspirante alla vittoria finale ma abbiamo una possibilità e ce la possiamo giocare, mantenendo la nostra identità. Questa è una sfida che sta emozionando la nostra gente, abbiamo la speranza di essere protagonisti. Stiamo anche recuperando giocatori, vedremo se giocheranno dall’inizio o dopo: c’è ancora tempo per prendere la decisione”.

L’argentino Lo Celso ha detto che dovete essere pronti a una partita lunga: cosa intendeva dire?

“Che ci siamo preparati per essere competitivi per 90′ e anche per l’eventuale proroga, visto che segnare fuori casa non è più un vantaggio. Loro sono favoriti, giocano davanti al loro pubblico, ma noi saremo capaci di rispondere alle loro individualità con il nostro miglior gioco collettivo. Abbiamo aspettative e fiducia. La Juve vince più che pareggiare e quasi mai perde, non lo fa dalla Supercoppa. Difensivamente è molto forte, ha dei singoli che possono fare la differenza e riescono a vincere anche partite in cui succedono poche cose a loro favore”.

Pensa che la Juventus avrà un atteggiamento diverso rispetto all’andata?

“Sì. Hanno due punte verticali con molta presenza nella manovra, due ali come Cuadrado e Alex Sandro che hanno grande capacità di attaccare sugli esterni e internamente Arthur, Rabiot e Locatelli che possono controllare il gioco. Ma noi lo sappiamo e siamo preparati. Dobbiamo difendere uniti, sapendo che difesa è anche tenere il pallone. Sarà una partita differente: succederanno molte cose e dobbiamo essere preparati a controllarne il più possibile. La Juve è abituata a vincere e vince molto. Squadre forti come lui in Europa si contano nelle dita di una mano”.

Su cosa avete lavorato in particolare?

“Ci siamo preparati con un lavoro ben fatto e con un certo rispetto per l’avversario. Abbiamo le basi per riuscire a vincere. Dobbiamo essere ottimisti senza scordarci di essere realisti”.

Gerard Moreno giocherà?

“È rientrato nel gruppo, sta lavorando ma vogliamo essere prudenti nelle decisioni, viste le esperienze del passato e soprattutto davanti a una partita così importante, così difficile. Se riuscirò a inserirlo sarà un fattore importante. Lui è un giocatore che ci permette un certo tipo di gioco, ma abbiamo delle armi di scorta”.

Domani sarete accompagnati da 600 tifosi, che sono tantissimi visto che Vila-real ha appena 50 mila abitanti.

“La comunità ci dà la possibilità di essere presenti a questi livelli con una struttura affidabile da ogni punto di vista. Vogliamo continuare a far sentire la nostra gente orgogliosa di noi”.

Albiol ha smaltito l’infortunio di sabato?

“Crediamo che abbia superato i problemi, domani decideremo. Lui è importante anche se non gioca, ma avremmo bisogno di avere in campo un giocatore che è abituato a questi scenari. Ci fa sentire più sicuri, più tranquilli”.

Villarreal, Emery: "La Juventus è tra le favorite per la vittoria della Champions"Fonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments