Venezia, Zanetti: “Grande prestazione, abbiamo meritato di vincere”

VENEZIA – “Sono orgoglioso della squadra, sarebbe stato un peccato non vincere”. Paolo Zanetti ha solo parole d’elogio per il suo Venezia dopo la prestigiosa vittoria sulla Roma: “Anche se il risultato fosse stato diverso avrei detto la stessa cosa: contro una grande squadra abbiamo fatto tre gol, preso due traverse, creato tante occasioni in più di altre partite. Sono davvero soddisfatto”. Una vittoria figlia della grande umiltà: “Se guardiamo la cifra tecnica con le altre squadre rischiamo di pensare di non essere competitivi”, spiega l’allenatore dei lagunari. “A parte l’aspetto tecnico ci sono tante componenti. L’aspetto tattico, fisico e soprattutto quello mentale. Non abbiamo la qualità che hanno altre squadre ma delle volte, come in questo caso, si riescono a fare dei miracoli anche con lo spirito”.

“Okereke centravanti? Mi serviva uno che attaccasse la profondità”

Zanetti spiega così la scelta di puntare su Okereke centravanti: “Anche l’anno scorso ho cambiato spesso la posizione degli attaccanti. Mi serviva un giocatore per attaccare la profondità e la scelta ha pagato. Ma quando è entrato Henry abbiamo capito di che pasta è fatto. Sono pronto a rivedere tutte le scelte in base alla strategia della gara”. Infine una considerazione su Caldara che ha anche ritrovato il gol dopo 4 anni. “Mattia è un giocatore importantissimo e noi siamo andati a casa sua per convincerlo e prenderlo. Ha un’umiltà incredibile. Si è calato nella situazione in un modo che non pensavo. Ha avuto due anni difficili è un ex campione che sta lavorando per essere di nuovo un campione. Io spero che il Venezia sia il tramite per riuscirci”.

Aramu: “Giocando con questa umiltà ci toglieremo altre soddisfazioni”

Felicissimo, naturalmente, anche Mattia Aramu, grande protagonista della rimonta del Venezia: “Vittoria molto importante soprattutto considerato che venivamo da due partite non strabilianti con Salernitana e Genoa. Ci siamo ripresi quello che avevamo lasciato. Prova maiuscola, dobbiamo continuare con questa umiltà e i risultati, di conseguenza, arriveranno. Dobbiamo avere equilibrio. Quando perdiamo ci buttiamo giu’, poi vinciamo con Roma o Fiorentina e ci troviamo alle stelle. Noi in Europa? Il nostro obiettivo e’ la salvezza, poi si vedrà. Certo, c’è un’atmosfera incredibile, noi che giochiamo a calcio viviamo per vedere gli stadi pieni. Tifosi fantastici per tutti i 95′, loro sono nostra forza in casa. Non segno in trasferta? Lavoro durante la settimana per segnare e aiutare la squadra. Se continuo così le occasioni arriveranno anche fuori. Cerco di farmi trovare pronto”, conclude.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime