Venezia-Salernitana 1-2: Schiavone al 95′ regala la prima gioia a Colantuono

VENEZIA – Arriva al minuto 95 sul campo del Venezia, una diretta concorrente per la salvezza, la prima vittoria di Stefano Colantuono sulla panchina della Salernitana. Dopo l’esordio shock contro l’Empoli (2-4), i granata si riscattano nonostante il bellissimo gol di Aramu nel primo tempo. Ma nella ripresa cambia tutto e Bonazzoli pareggia. Quindi i padroni di casa restano in dieci quando Ampadu si fa cacciare per un fallo su Ribery, nettamente il migliore in campo. Proprio all’ultimo secondo il prezioso gol di Schiavone.

<< La cronaca della gara>>

Ci pensa Aramu

Zanetti propone un 4-3-3 con Aramu, Forte e Okereke in attacco. In mezzo al campo Crnigoj, Kiyine, Busio, in difesa si rivedono Molinaro e Caldara. Cambio di modulo per Colantuono che schiera un 4-3-1-2 con Ribery a supporto delle punte, Bonazzoli e Djuric. Zortea e Ranieri esterni bassi. L’avvio del match è bel giocato da entrambe le squadre e la prima chance è per la Salernitana che impegna Romero, non sicurissimo. Gli ospiti sembra approcciare meglio la gara e infatti creano anche una mischia furiosa in area lagunare con Di Tacchio che ci prova anche da fuori, ma stavolta Romero è sicuro. Ma è il Venezia a passare al quarto d’ora con una splendida azione: Molinaro attacca a sinistra, cross basso, velo di Okereke e gran sinistro agli incroci di Aramu.

Ribery illumina, Bonazzoli pareggia

Subito il gol, la Salernitana sbanda e rischia ancora perdendo diverse palle in uscita. Okereke al 25′ ci prova dal limite ma Belec para. Lo stesso attaccante veneziano verso la fine del primo tempo parte in contropiede ma il portiere ospite c’è ancora e respinge alla grande. Prima di questa azione, chance per Ribery che spreca col destro dal limite. Nel recupero del primo tempo invece, bella girata di Djuric con Romero che salva in due tempi. A inizio ripresa Ampadu prende il posto di Aramu, non al meglio. Ribery, vero e proprio faro dei suoi, impegna Romero. E dopo un’ora di gioco arriva il pareggio: palla al solito Ribery che dal limite inventa un assist in area per Bonazzoli, piatto sinistro sul primo palo che beffa il portiere.

Rosso ad Ampadu, Schiavone ai titoli di coda

Al minuto 67 episodio chiave quando Ampadu, già ammonito, interviene su Ribery fallosamente secondo Di Bello che lo caccia con un rosso diretto. Il direttore di gara viene anche richiamato al Var, ma conferma la sua decisione. Per assurdo, in 10 contro 11, il Venezia si rende pericoloso come non mai nel secondo tempo con Svoboda che al 78′ manda la palla alta di testa, mentre al minuto 84 solo una grande deviazione di Ranieri gli nega la gioia del gol. Arriviamo così nei 5′ di recupero e proprio nell’ultimo giro di orologio ecco il clamoroso 1-2: cross dalla destra, Romero esce molto male e a vuoto, testa di Simy indietro per il destro vincente di Schiavone che regala i tre punti ai campani.

Venezia-Salernitana 1-2 (1-0)
Venezia (4-3-3): Romero; Mazzocchi, Caldara, Ceccaroni, Molinaro (20 st Haps); Crnigoj; Busio, Kiyine (10 st Heymans); Okereke (32 st Svoboda), Forte (20 st Henry), Aramu (1 st Ampadu); (1 Maenpaa, 8 Tessmann, 11 Sigurdsson, 13 Modolo, 19 Bjarkason, 22 Ebuhei
42 Peretz). All.: P. Zanetti
Salernitana: (4-3-1-2): Belec; Ranieri, Strandberg, Gyomber (40 st Gagliolo); Obi (31 st Kechrida), Di Tacchio, Kastanos (20 st Schiavone), Zortea; Ribery, Djuric (30 st Simy), Bonazzoli (30 st Gondo); (1 Fiorillo, 4 Jaroszynski, 12 Rso, 13 Aya, 33 Delli Carri, 63 Vergani). All.: S. Colantuono
Arbitro: Di Bello di Brindisi
Reti: nel pt 14′ Aramu; nel st 16′ Bonazzoli e 45’+5′ Schiavone
Angoli: 4 -5
Recupero: 2′ e 5′
Espulso: al 22′ st Ampadu con rosso diretto per fallo su chiara occasione da rete
Ammoniti: Busio, Bonazzoli, Ampadu, Mazzocchi, Zortea per gioco falloso
Spettatori: 5.103

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x