Venezia-Atalanta 1-3: i nerazzurri tornano in corsa per l’Europa, i lagunari affondano

VENEZIA – Riparte di slancio l’Atalanta dopo tre sconfitte di fila, tornando ad affacciarsi alle porte dell’Europa grazie al 3-1 sul terreno del ‘Penzo’. Con questo successo la squadra di Gasperini si porta momentaneamente a -2 da Lazio e Fiorentina, mentre i lagunari, all’ottavo ko consecutivo, restano in ultima posizione e vedono avvicinarsi lo spettro della serie B. Non è bastato ai padroni di casa mettere sul campo il carattere per colmare il divario tecnico evidente con gli avversari e far sparire quelli che sono i propri limiti. Sbloccato il match con una rete di Pasalic sul finire della prima frazione, i nerazzurri hanno poi messo in cassaforte il risultato a inizio ripresa con i gol di Zapata e Muriel, con la marcatura di Crnigoj a rendere meno amaro il passivo per i locali.

<<La cronaca della gara>>

Gol annullato a Henry dopo 5′

La gara si apre con i bergamaschi, oggi però in maglia corallo, che battono il primo calcio d’angolo dopo 25 secondi, anche se è il Venezia a rendersi pericoloso per primo. Al 5′ la scossa arriva da Henry: recupero sulla fascia di Ceccaroni, rapido lo scarico su Aramu che lancia un bocconcino per Henry che si tuffa di testa incornando splendidamente alla destra di Musso. Il francese è però in fuorigioco e la Var annulla quel che poteva dare un volto diverso alla sfida.

Pasalic sblocca prima dell’intervallo

Da lì monologo atalantino con grande possesso palla dettato dal consistente divario tecnico. Tra il 12′ e 13′ due occasioni per gli ospiti. Uno schema da palla inattiva e un fraseggio tra Zapata e Muriel consentono ai nerazzurri di sfiorare il vantaggio. Anche il 22′ porta il timbro degli ospiti, con Hateboer che calcia a botta sicura, Ceccaroni devia sulla traversa e palla che si infrange in angolo. Poco prima dell’intervallo si sblocca il risultato. Muriel si invola sulla sinistra, fa un tunnel al macchinoso Svoboda, poi Mateju non riesce a intervenire e, in seguito a una carambola la palla sbatte sulla traversa capitando sui piedi di Pasalic, bravo a farsi trovare lì e insaccare da due passi.

Zapata-Muriel a chiudere i giochi

La ripresa si apre al secondo minuto con il raddoppio ospite grazie a Zapata. Cuisance pressato perde la palla a metà campo, riparte la Dea con Muriel che salta Svoboda senza difficoltà e mette al centro per il 2-0 del compagno. Quattro minuti e Hateboer viene atterrato in area, per l’arbitro non è rigore. Il Venezia mette carattere e ci prova, ma la pressione è sterile. Infatti, al 13′ Muriel si imbatte nel palo dopo un assist di Pasalic. L’Atalanta prosegue ad allargare bene il campo, Zappacosta crossa al centro e arriva la testata che infila Maenpaa.

Crnigoj accorcia ma è tardi

Break del Venezia, sfortunato, il mai domo Ampadu suona la carica e il Venezia arriva al palo con Henry a Musso battuto. La rete della bandiera arriva al 35′, Nsame riparte, lancia Crnigoj che batte il portiere dell’Atalanta in grado solo di sfiorare. Encomiabile il tifo veneziano che dal 40′ della ripresa usa l’ironia con cori come “E tanto già lo so che l’anno prossimo gioco di sabato” o “Torneremo in serie B”. Polemiche all’ingresso dello stadio con uno striscione che recita “Alex Menta go home”, diretto al dirigente voluto dalla proprietà americana e “artefice” del mercato. Non a caso il tifo si è schierato con Paolo Poggi, Mattia Collauto (direttore area tecnica e direttore sportivo) oltre all’allenatore Paolo Zanetti, acclamati durante la partita.

VENEZIA – ATALANTA 1-3 (0-1)
VENEZIA (4-3-3): Maenpaa; Mateju, Svoboda, Ceccaroni, Ullmann; Ampadu, Cuisance (dal 30′ st Peretz), Busio (dal 16′ st Crnigoj), Aramu (dal 36′ st Bah), Okereke (dal 16′ st Johnsen), Henry (dal 30′ st Nsame) (34 Bertinato, 41 Lazar; 31 Caldara; 8 Tessmann, 16 Fiordilino; 11 Sigurdsson). All. Zanetti.
ATALANTA (3-4-1-2): Musso; Scalvini (dal 19′ st Demiral), Djimsiti, Palomino; Hateboer, De Roon, Freuler (dal 19′ st Koopmeiners), Zappacosta; Pasalic (dal 31′ st Pessina); Muriel (dal 42′ st Cissé), Zapata (dal 31′ st Boga) (57 Sportiello, 53 Sassi; 46 Cittadini; 44 Oliveri, 59 Miranchuk; 20 Mihaila) All. Gasperini.
ARBITRO: Fourneau di Roma.
MARCATORI: pt 44′ Pasalic (A), st 2′ Zapata (A), 18′ Muriel (A), 35′ Crnigoj (V).
AMMONITI: Scalvini (A) e Djimsiti (A) per gioco falloso, Zapata (A) per proteste.
ANGOLI: 7-0 per l’Atalanta.
RECUPERO: pt 2′, st 4′.
SPETTATORI: 6.132 (1001 ospiti) per un incasso di 134.293,97 euro.

Venezia-Atalanta 1-3: i nerazzurri tornano in corsa per l'Europa, i lagunari affondanoFonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments