Udinese, un altro Marino contro l’ex arbitro Marelli: “Non è la verità, sbaglia sempre”

Udinese, un altro Marino contro l'ex arbitro Marelli: "Non è la verità, sbaglia sempre"

UDINE – “Abbiamo una classifica con due partite in meno, da tempo giochiamo bene, meritiamo quello che abbiamo. Poi qualche volta il risultato ci sfugge per episodi come quello di stasera”. Il direttore dell’area tecnica dell’Udinese, Pierpaolo Marino, non ha gradito il rigore che ha permesso alla Roma di pareggiare in pieno recupero: “Alcuni soloni parlano come se fossero i depositari della verità, io vorrei capire: ho visto le immagini, io non vedo un fallo di mano volontario. Ho visto tutte le immagini possibili, non riesco a vedere chiaramente cosa determini questa decisione. Si potrebbe anche parlare da dove è stata battuta la punizione, almeno 15 metri più avanti. Poi moralmente ci sentiamo vincitori della partita, e non solo perché stavamo vincendo ma perché abbiamo fatto una grande partita, e non si può dire il contrario. Con Di Bello venivamo da 9 sconfitte consecutive, evidentemente siamo sfortunati, ma nove sconfitte su nove non le fai nemmeno con il peggior allenatore possibile”.

L’attacco all’ex arbitro Marelli

Il bersaglio polemico del dirigente bianconero è l’opinionista arbitrale di Dazn ed ex direttore di gara, Luca Marelli, già attaccato qualche settimana fa da un altro Marino, il dirigente dell’Atalanta: “Dopo la partita contro il Milan ha affermato di aver visto un mani di Udogie che non c’era, oggi afferma di aver visto nettamente il tocco di mano di Zeegelaar quando non c’è nulla che possa provocare un rigore. Io non discuto i suoi trascorsi arbitrali ma non vorrei che alcuni giudizi venissero dati in base al bacino d’utenza: parla come se fosse il depositario della verità, ha applaudito l’arbitro per la decisione ma non c’è nulla da applaudire. Non ce l’ho con Dazn, che dobbiamo ringraziare per tutto quello che fa”.

Cioffi applaude i suoi

Più sereno Gabriele Cioffi, nonostante il pari: “L’abbiamo preparata bene, con tante cose. Loro ci hanno sorpreso invertendo la posizione di Zaniolo ma i concetti erano gli stessi. Penso che i ragazzi abbiano fatto una grande partita, con umiltà e nessun timore. Avevamo lavorato anche sui rigori, ce l’aspettavamo. Avevamo lavorato su una pressione medio bassa per non dare profondità alla Roma, sapendo che Zaniolo e Abraham hanno gamba e possono portarci fuori per lavorare nello spazio. Non volevamo farli respirare sapendo che venivano da una partita di giovedì”. Alcuni singoli stanno brillanto: “Deulofeu è in piena forma, i compagni glielo riconoscono e lo cercano. Anche Molina sta benissimo dopo un brutto periodo, a livello fisico dopo la Coppa America aveva fatto fatica, ora come ora ci sta facendo la differenza. Abbiamo un sostituto forte come Soppy, che è un cavallo di razza, ha un grandissimo potenziale e scalpita per dimostrarlo”. Nonostante i cambi offensivi di Mourinho, Cioffi ha deciso di non cambiare modulo: “La partita non mi aveva dato segnali di dover cambiare, vedevo equilibrio e una squadra in pieno controllo, tanto che abbiamo sfiorato il 2-0. Una realtà come la nostra deve avere coraggio, altrimenti si entra in un giro di paura dal quale non si esce. Vogliamo giocarcela con tutti convinti di vincere”.

Udinese, un altro Marino contro l'ex arbitro Marelli: "Non è la verità, sbaglia sempre"Fonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments