Torino, per Mandragora lesione al menisco: ma la grande paura è passata

TORINO – La grande paura, almeno in parte, è rientrata. Ieri sera, nella “sua” Napoli, Rolando Mandragora aveva temuto che il suo ginocchio destro avesse fatto crack. Di nuovo. Stamattina, invece, l’esito degli esami cui il registra granata si è sottoposto è stato piuttosto confortante: “Gli accertamenti clinici e strumentali cui è stato sottoposto Mandragora, uscito ieri anzitempo nella partita contro il Napoli, hanno evidenziato una lesione del menisco interno del ginocchio destro che verrà sottoposta a valutazione chirurgica nei prossimi giorni”.

Il legamento sembra stabile

La risonanza magnetica cui il centrocampista si è sottoposto ha evidenziato che il legamento sembra essere “stabile”, anche se il condizionale è d’obbligo visto che le condizioni potranno essere chiarite una volta per tutte soltanto quando, nelle prossime ore, il ginocchio verrà operato in artroscopia. Quel che è certo è che, pur con tutte le cautele del caso, il mondo granata può tirare un sospiro di sollievo soprattutto in considerazione del fatto che ieri sera le sensazioni del primo istante erano parse drammaticamente serie. Cinque minuti del primo tempo, primo intervento della partita, Mandragora fa una torsione in mezzo al campo e si accascia proprio davanti alle panchine. In un primo momento l’infortunio non sembra grave, ma la reazione del regista granata allarma fin da subito lo staff medico del Torino.

Originario di Scampia, Mandragora gioca in casa, al Maradona ha invitato tutti i suoi parenti, e il suo carattere indomito lo induce ad insistere. Prova a stringere i denti, si rialza, ma al primo appoggio il ginocchio cede di nuovo e stavolta non resta che issare bandiera bianca. E’ l’8’ minuto del primo tempo e le lacrime che lo accompagnano mentre lascia il campo zoppicando trasmettono l’inquietudine di un giocatore che già nel passato aveva vissuto il tormento di un infortunio serio allo stesso ginocchio destro. Un anno e mezzo fa, erano i tempi dell’Udinese, Mandragora aveva riportato la rottura del legamento crociato con la conseguenza dell’intervento chirurgico e della lunga assenza dai campi. Niente di tutto questo, stavolta: il legamento sembra aver tenuto, mentre la lesione del menisco comporterebbe un’assenza di un mese o poco più. Quasi come se le mozzarelle che Rolando, da napoletano doc, ieri sera in stampelle ha voluto regalare a tutto il Toro, gli avessero portato bene.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime