Torino-Milan 0-0: i rossoneri frenano ancora, e l’Inter ora è in scia di sorpasso

Torino-Milan 0-0: i rossoneri frenano ancora, e l'Inter ora è in scia di sorpasso

TORINO – A forza di aspettarsi gentilmente, Milan e Napoli hanno rimesso più che mai in corsa per lo scudetto l’Inter, che adesso ridiventa capolista virtuale, con la solita partita da recuperare (il 27 aprile a Bologna). La capolista attuale ha d’altronde completato in serata la bizzarra gara di inchiodate col secondo 0-0 di seguito, in casa del Torino, dopo quello di San Siro col Bologna. Due indizi, per la squadra già etichettata a buon diritto come la più offensiva del campionato, fanno più di mezza prova di inattesa inoffensività.

<<La cronaca della gara>>

 La tendenza ha precise cause tecniche. Se non è mai semplice disincagliarsi dal gioco delle coppie di Juric, maestro dei duelli ad personam e teorico dell’anticipo a tutto campo, lo è stato particolarmente per il Milan, zavorrato ieri dalla scarsa propensione ai duetti rasoterra in velocità, ai dribbling nello stretto, alle cavalcate sulle fasce: a tutte le giocate, in sostanza, che possono creare la famosa superiorità numerica, condizione essenziale per inguaiare il Torino, che fa appunto dell’esattezza dei numeri – uno su uno annulla uno – il cardine della propria compattezza. Pioli ha provato a produrre qualche crepa e soprattutto a sparigliare il suddetto equilibrio aritmetico attraverso alternative anche estemporanee, per uscire dalla palude del centrocampo. Alle note percussioni frontali di Hernandez si sono aggiunti gli sganciamenti sporadici di Tomori. Tutto si è infranto non soltanto contro il noto strapotere fisico di Bremer, oggetto del desiderio di parecchi club sul mercato, ma pure contro la serata mediocre dei trequartisti dietro il solitario Giroud. Saelemaekers si è fermato da solo, Diaz ha calpestato ancora una volta zolle marginali e Leao ha guadagnato pochi metri sullo scatto a Zima, marcatore scelto ad hoc per lui, salvo farsi irrimediabilmente rimontare, passare palla agli avversari o smarrire il pallone in una selva di stinchi.

La nostalgia per gli assenti non va invocata come alibi. Gli infortuni muscolari dell’ultima ora hanno tolto di mezzo Bennacer, Rebic e la riserva Castillejo, mentre i persistenti dolori al ginocchio sinistro hanno impedito la trasferta a Ibrahimovic. Pioli non si è appellato agli imprevisti: “Non conta chi non c’è”. Tra chi c’era, dato il contesto idoneo ai corpo a corpo, hanno meritato qualche applauso i più atletici, con i recuperi o gli sradicamenti del pallone, anche se Tomori e Kalulu sono incappati in fisiologiche ammonizioni, uniche notizie di cronaca oltre ai tiri isolati di Calabria (respinta di Berisha) e Ricci (fuori). A inizio ripresa Maignan è entrato in scena su frustata di Vojvoda e Pioli si è arreso all’evidenza. Al posto di Diaz ha inserito Messias, che da queste parti, a Chieri, visse una tappa importante dell’arrampicata verso la serie A, ma non ha avvertito alcun effetto taumaturgico nell’aria. Leao ha preso a slalomeggiare un po’, Juric ha deciso le staffette Zima-Izzo e Singo-Aina, Tonali ha inghirlandato un arco per Berisha, Belotti si è liberato al tiro dentro l’area ma ha centrato Tomori e poi l’esterno della rete, prima di lasciare spazio al prestito milanista Pellegri, che ha spaventato Maignan. Un rigore reclamato senza convinzione nel finale ha acceso i molti tifosi del Milan in astinenza da titoli, ai quali va riconosciuto un merito: finora sono più che altro loro a riempire nel post Covid stadi di rado vicini al pienone.    

Torino-Milan 0-0.
Torino (3-4-2-1):
Berisha; Zima (19′ st Izzo), Bremer, Rodriguez; Singo (19′ st Aina), Lukic, Ricci, Vojvoda (39′ st Buongiorno); Pobega (39′ st Seck), Brekalo; Belotti (31′ st Pellegri) All.: Juric.
Milan (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Kalulu, Tomori (42′ st Gabbia), Theo; Tonali (37′ st Krunic), Kessie; Saelemaekers, Diaz (10′ st Messias), Leao; Giroud All.: Pioli.
Arbitro: Doveri di Roma.
Angoli: 6-4 per il Torino.
Recupero: 0′ e 5′.
Ammoniti: Lukic, Tomori, Pobega, Kalulu per gioco falloso, dalla panchina Juric per proteste.
Spettatori: 23.472 per un incasso di 703.361,00 euro.     

Torino-Milan 0-0: i rossoneri frenano ancora, e l'Inter ora è in scia di sorpassoFonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments