Torino, Juric: “Contro il Bologna esame per capire chi siamo. Motta? Un pazzo scatenato”

Al momento stai visualizzando Torino, Juric: “Contro il Bologna esame per capire chi siamo. Motta? Un pazzo scatenato”

Da una parte il miglior attaccante del campionato, Marko Arnautovic, dall’altra colui che può diventare un bomber top della serie A come Pietro Pellegri. Si riassume anche così, nella visione di calcio di Ivan Juric, Bologna-Torino che si gioca domani all’ora di pranzo. “I rossoblù schierano forse il centravanti più forte del campionato che è Arnautovic, mentre Pellegri ha le potenzialità per diventare un giocatore top” dice il tecnico croato. Ma la sfida del Dall’Ara, per Juric, è soprattutto la partita della curiosità, e magari della svolta granata dopo le vittorie contro Udinese e Milan: “Questa è la partita ‘vera’, un bell’esame per capire quale sia la mentalità della squadra – risponde Juric -. Il Bologna per noi è fondamentale; e oltre alla sfida contro i rossoblù anche le altre due partite (contro Samp e Roma, ndr) che ci accompagneranno alla sosta per noi rappresentano tutto”.

La sfida con Motta

Ma Bologna-Torino di domani è anche la sfida a distanza fra amici di scorribande – e di vittorie – ai tempi del Genoa stagione 2008/09, quando i rossoblù si qualificarono in Europa League sfiorando l’accesso alla Champions, condannando proprio il Toro alla retrocessione, al termine di una partita-zuffa che fece storia. “Io e Juric abbiamo vissuto un bel periodo assieme” si è lasciato andare ieri per un istante ai ricordi Thiago Motta. Juric risponde con un sorriso largo così: “Non pensavo che Thiago avrebbe fatto l’allenatore perché quando giocava era un pazzo scatenato… Mi farà piacere rivederlo perché è una grandissima persona; e poi in campo lui e Milito mi hanno fatto vedere cosa significa essere grandi giocatori”.

Juric: “Pellegri può diventare un top”

A proposito di giocatori top, Juric non ha dubbi a proposito della rosa granata: “Pellegri è uno che può diventare un top: solo lui ha le potenzialità per farcela, anche se adesso è appena al dieci per cento e deve migliorare in tutto”. In chiave formazione, la sensazione è che Juric – che domani sarà squalificato e sostituito in panchina dal vice Matteo Paro – confermi la squadra che domenica sera ha sconfitto il Milan: da Schuurs a Buongiorno, da Ricci a Lukic, da Miranchuk a Vlasic, fino a Pellegri che sarà chiamato ad un’altra conferma anche dal profumo azzurro.

Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments