Spezia-Roma 0-1, un rigore di Abraham al 99′ regala i tre punti a Mourinho

Spezia-Roma 0-1, un rigore di Abraham al 99' regala i tre punti a Mourinho

Stavolta, Mourinho non potrà certo prendersela con gli arbitri. Un rigore segnato al 99’ da Abraham regala alla Roma tre punti soffertissimi, conquistati faticosamente, dopo aver sciupato quintali di occasioni nitidissime, alla fine di un tempo intero giocato in superiorità numerica per un’espulsione almeno frettolosa. Ciò che resta, per Zaniolo e soci, è una vittoria pesantissima: la prima da gennaio dopo 3 pareggi in campionato e una sconfitta in Coppa Italia.

<<La cronaca della gara>>

Spezia in dieci all’intervallo

Il sacrificio iniziale di Zaniolo, in panchina, e la promozione del giovanissimo Zalewski, non danno ritmo alla Roma. La sveglia Pellegrini, che centra un palo (con deviazione salvifica del portiere Provedel) dopo un’azione personale aperta da un tunnel a un avversario. Il problema è che la creazione offensiva si spegne sui piedi decisamente poco ispirati di Abraham. Lo Spezia può poco, ancora meno quando allo scadere del primo tempo Amian, ammonito, sfiora Pellegrini in contropiede: per l’arbitro Fabbri vale il secondo giallo, una decisione almeno frettolosa che fa infuriare Tiago Motta e lascia i padroni di casa in dieci.

Gli errori di Abraham

Lo squalificato Mourinho – nascosto in qualche angolo dello stadio a comunicare via whatsapp con la panchina – annusando l’occasione, sacrifica Mancini – ammonito ingenuamente – per Zaniolo: è sua la prima occasione della ripresa, murata però col corpo da Nikolaou, mentre sulla respinta la conclusione a sorpresa di Cristante è finita sul palo. Abraham continua a sciupare chance, anche di testa. E così Nzola può far correre un brivido sulla schiena di Mourinho, costringendo Rui Patricio all’unica vera parata della sua partita. Qualcosa di molto più concreto degli inspiegabili errori in area di un disastroso Abraham. Anche da pochissimi centimetri e a tempo praticamente scaduto.

Rigore a tempo scaduto

Sembra il copione perfetto per rimpiangere l’ennesima occasione persa, l’ennesima vittoria gettata al vento regalando ulteriore vantaggio a chi la precede. Poi, all’ultimo istante dell’ultimo dei 3 minuti di recupero, accade l’impensabile. Su calcio d’angolo, Zaniolo di testa anticipa Maggiore che lo colpisce con un calcio in pieno volto: mentre sul suo naso si apre una ferita sanguinante, la Roma riesce a non mettere in rete un pallone che balla sulla riga. Ma il Var richiama l’arbitro Fabbri, evidenziandogli il colpo al volto del trequartista della Roma. Rigore inevitabile, affidato al destro di Abraham dopo 5 minuti di discussioni: stavolta la sfida con Provedel la vince l’attaccante inglese. Il gol – il 12° del suo campionato – condanna uno Spezia furibondo e regala alla Roma i tre punti. Un successo rabbioso, meritato, soffertissimo.

Spezia-Roma 0-1, un rigore di Abraham al 99' regala i tre punti a MourinhoFonte Repubblica.it

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments