Spagna, Luis Enrique: “Non leggo i giornali, conosco il calcio meglio di chi scrive”

MILANO – “Credo di conoscere il calcio meglio di voi giornalisti, conosco i giocatori personalmente: so come voglio far giocare la mia squadra. Non mi interessa ciò che scrivete”. Alla vigilia della semifinale di Nations League contro l’Italia, Luis Enrique attacca la stampa e non vuole sentire parlare di critiche riguardo alle convocazioni: “Non leggo i giornali e ciò che viene detto sulla nazionale. La lista dei convocati è la solita, ho chiamato i 23 giocatori migliori, soltanto con il tempo si saprà se ho ragione o meno”.

“Tornare in Italia è un piacere immenso”

Il ct della Spagna parla anche del suo rapporto con l’Italia: “Per me è un piacere immenso tornare in questo Paese. Mi piace molto il clima, il cibo, la lingua. Mi piace anche la nazionale e come gioca. Ci assomigliamo, cerchiamo entrambe di fare un calcio propositivo. Il successo agli Europei è stato meritato. Per me lo stile dell’Italia è il migliore che si possa avere, adesso è una delle squadre più forti d’Europa e del mondo”.

“Cercheremo di avere maggiore possesso”

Gli elogi a Mancini e agli azzurri proseguono: “Credo che Mancini sia stato molto intelligente, ha scelto i giocatori più adatti a questo stile di gioco. Ha vinto tanto ovunque sia andato e questo dimostra quanto sia bravo come allenatore. Per quanto mi riguarda cerco di mettere in pratica le mie idee”. Sulla formazione, infine, Luis Enrique non si sbilancia: “Chi dice che giocheremo senza centravanti? E’ vero che Moreno e Morata sono infortunati, ma non so cosa accadrà domani. Cercheremo di fare la nostra partita e avere maggiore possesso, dobbiamo essere più cattivi”.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime