Serie B, Pisa inarrestabile: con il Monza arriva il quinto successo in fila. Insegue l’Ascoli, ok Benevento e Lecce

ROMA – Non si ferma la capolista Pisa, che prosegue la sua marcia a punteggio pieno. Contro il Monza arriva la quinta vittoria di fila, con la quale i nerazzurri allungano sulle inseguitrici e portano a +3 il vantaggio sulla seconda. Alle spalle dei toscani sale l’Ascoli, corsaro ad Alessandria. Nette affermazioni per Benevento e Lecce, sorridono anche Spal e Cosenza. L’unico pareggio di serata è l’1-1 tra Pordenone e Reggina, con i neroverdi che trovano il primo punto stagionale. Mercoledì chiuderanno il quadro della quinta giornata Ternana-Parma e Cremonese-Perugia.

<<La classifica della serie B>>

Pisa-Monza 2-1

Prosegue la striscia vincente del Pisa, al quale si deve inchinare anche il Monza. Il primo tempo, vivace e ricco di occasioni da rete, viene deciso dal sigillo di Sibilli che in avvio approfitta di una leggerezza della difesa avversaria per confezionare un gran gol. A inizio ripresa i brianzoli restano in dieci (rosso a Caldirola) e i toscani ne approfittano per raddoppiare con la botta di Lucca al 53′. La gara resta elettrica e il Monza non molla, trovando con Dany Mota la rete che riapre i giochi ma che non basta alla squadra di Stroppa. In pieno recupero il Pisa sbaglia anche un rigore: Di Gregorio intercetta la battuta dagli undici metri di Gucher.

Alessandria-Ascoli 1-3

L’Ascoli espugna il Moccagatta e si issa al secondo posto in classifica, scavalcando il Brescia fermato sul pari dal Frosinone nell’anticipo di lunedì. Notte fonda per l’Alessandria, alla quinta sconfitta consecutiva e ferma a quota zero punti. Gli ospiti sbloccano all11′ con Dionisi, che beffa tra le gambe un Russo tutt’altro che impeccabile, e raddoppiano al 38′ con il colpo di testa di Botteghin. Al 58′ Collocolo chiude i conti con un velenoso sinistro a fil di palo, prima della rete di Palombi che rende meno pesante il passivo per i grigi.

Benevento-Cittadella 4-1

Dopo il successo esterno di Ascoli, il Benevento centra la seconda vittoria di fila con la quale sorpassa proprio il Cittadella. Botta e risposta in avvio tra Acampora, autore di una pregevole conclusione da fuori, e Okwonkwo. Al riposo la situazione è in perfetto equilibrio, ma nella ripresa si scatena Lapadula, autore della tripletta che permette ai sanniti di conquistare l’intera posta in palio. Al 69′ il bomber italo-peruviano approfitta di una leggerezza di Benedetti per firmare il 2-1 e poi cala il poker con due gol sotto porta tra l’84’ e l’86’.

Pordenone-Reggina 1-1

Muove la classifica il Pordenone, che trova il primo punto stagionale grazie al pareggio contro la Reggina. Il pari lascia, però, l’amaro in bocca ai padroni di casa, che cullano a lungo la speranza di conquistare l’intera posta in palio, dopo il vantaggio trovato al 43′ da Magnino al termine di un contropiede da manuale. Nella ripresa entrambe le compagini collezionano occasioni da rete, ma a concretizzare sono gli amaranto che agguantano il pari all’85’ con Galabinov. Nel recupero c’è anche spazio per il rosso a Chrzanowski, che lascia in dieci il Pordenone.

Crotone-Lecce 0-3

Prosegue la risalita del Lecce, che domina sul campo del Crotone e centra la seconda affermazione consecutiva. I salentini sbloccano dopo appena quattro minuti con il contropiede finalizzato da Di Mariano, che raddoppia al 23′ su assist di Strefezza, autore di uno strepitoso affondo. Al 69′ proprio Strefezza annichilisce le residue speranze del Crotone, fermo a quota tre punti in classifica, e fissa il punteggio sul definitivo 3-0 per gli uomini di Baroni.

Spal-Vicenza 3-2

Dopo il ko di Reggio Calabria, la Spal ritrova il successo e condanna il Vicenza alla quinta sconfitta in altrettante partite. Nel primo tempo gli estensi passano in vantaggio al 30′ con una splendida conclusione al volo di Seck su traversone di Tripaldelli, vanificato dall’autogol di Capradossi al 37′. A riportare avanti i padroni di casa è una magistrale punizione di Viviani al 53′, poi al 62′ Colombo colpisce dal limite dell’area mettendo in cassaforte la vittoria. Al 94′ Proia rende meno pesante la battuta d’arresto dei veneti

Cosenza-Como 2-0

Terzo risultato utile consecutivo per il Cosenza, che batte il Como con un gol per tempo. A far esplodere l’entusiasmo dello stadio Marulla è al 13′ un tiro telecomandato di Gori, che si insacca all’incrocio. La sfida resta in bilico fino alla fine, ma i calabresi riescono a chiudere i conti al 90′ con il piattone di Millico, che beffa tra le gambe l’estremo difensore ospite.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x