Serie A senza liquidità: problemi per sei club, tre a rischio esclusione

ROMA  – C’è una questione urgente che agita i club di Serie A, e sarà oggi sul tavolo del consiglio della Federcalcio. Si chiama indice di liquidità: fino a oggi serviva solo a limitare il mercato agli spendaccioni, da oggi invece solo chi rientrerà nelle sue maglie potrà iscriversi al campionato di Serie A. Per impedirlo, i club hanno eletto Lorenzo Casini presidente, espressione dell’ala più contraria al presidente della Federcalcio Gabriele Gravina. Che, di contro, ritiene l’indice di liquidità la sua riforma principe: la mossa con cui dare stabilità al movimento ed impedire ai club di contrarre nuovi debiti, che – solo come esempio – pesano sui bilanci di Juve, Inter e Roma per oltre un miliardo di euro. Un’esposizione aggravata dalla pandemia, certo, ma precedente e di molto al 2020: così il calcio è in una situazione pre fallimentare. E una legge dello stato – la 91 del 1981 – impone alla Figc di garantirne l’equilibrio finanziario. 

Novantesimo minuto

09 Febbraio 2022

Serie A senza liquidità: problemi per sei club, tre a rischio esclusione

Ma cos’è l’indice di liquidità? È il rapporto tra attivi e passivi a breve delle società. Ed è temutissimo, perché per sbloccare l’indice ci sono solo due possibilità: la cessione di giocatori o un’iniezione di capitale dell’azionista. Insomma, o si vende, o si versano soldi freschi. A gennaio poteva fare mercato solo chi aveva l’indice di liquidità a 0,6: gli attivi insomma dovevano coprire almeno il 60% delle spese, e l’indice ha bloccatogli affari di molti club. Con gli stessi parametri, almeno tre squadre oggi farebbero fatica a iscriversi al campionato: la Lazio e il Genoa, fuori per 28 e 32 milioni, e la Samp. Ma molte di più avrebbero problemi: almeno 6 club sono a rischio.

Per alcune società la riforma è un azzardo. Di certo acuisce ulteriormente la tensione con Lotito, che di Gravina è nemico giurato. E il partito lotitiano, per far saltare tutto, lancia anche sospetti di una norma scritta per punire proprio Lotito. Accuse da cui la Figc potrà uscire intervenendo sui parametri e sui correttivi dei club in modo da renderlo più sostenibile, difendendo la riforma senza avere già adesso un numero 

E provare a rendere “imponderabile” la definizione di chi subirà i danni maggiori. Come? Applicando dei “correttivi” all’indice, che sarà fissato tra lo 0,7 e lo 0,6. Si potrà ridurre il gap con un saldo attivo nella campagna trasferimenti, contenendo il costo del lavoro entro il 60% dei ricavi, e con un buon rapporto tra fatturato e debito, utile a scoraggiare il ricorso a indebitamenti insostenibili. O, extrema ratio, con delle cessioni a giugno, prima che apra il mercato estivo.

Certo la Figc vorrà evitare situazioni come quella del Genoa, che a gennaio ha ricapitalizzato spendendo poi l’intera cifra sul mercato. In ogni caso la Serie A non andrà allo scontro, anche se Marotta e Lotito che rappresentano i 20 club nel consiglio della Figc voteranno contro. Parteciperà anche Lorenzo Casini. Ma solo da invitato, quindi non potrà votare. L’elezione a presidente della A (che gli dà di diritto anche il ruolo di consigliere federale) deve ancora essere ratificata: dovrà risolvere il “conflitto” col suo incarico di docente universitario, prima di firmare il contratto con la Lega da 240 mila euro, la stessa cifra dei dirigenti pubblici. In una lettera a Gravina, Casini ha chiesto il rinvio della discussione sull’indice di liquidità: non sarà accontentato. Anche perché il tempo stringe: a giugno l’indice determinerà chi si potrà iscrivere e chi no. E dal 2024 criteri simili, persino più severi, saranno adottati dalla Uefa le Coppe. Anche l’indice di liquidità sarà di anno in anno più stringente, fino ad avvicinarsi al parametro di 1: non si potrà spendere più di quanto si guadagna. In Germania è così da anni.

Serie A senza liquidità: problemi per sei club, tre a rischio esclusioneFonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments