Sei punti e una pizza, Mourinho ha fame di vittorie

Unendo i puntini delle quattro vittorie romaniste di fila arrivate sotto l’ombrellone, tra campionato e coppa, con l’ultima esaltata dai quattro gol di Salerno, la figura che ne viene fuori è quella di un Mourinho “vecchie maniere”. Il tecnico della Roma ha scelto il suo undici titolare e, se potesse, schiererebbe quello all’infinito. Tolte squalifiche e infortuni – contro la Salernitana era assente lo squalificato Zaniolo, sostituito da Carles Perez – lo Special One va avanti con i suoi uomini, cambiando quando proprio costretto. Da Trebisonda a Salerno, passando per la Fiorentina e il ritorno col Trabzonspor, la squadra, tabellini alla mano, è stata quasi sempre la stessa: cambiato solamente un giocatore. Sempre in attacco, visto che Abraham è arrivato a ridosso della prima di campionato contro i viola, all’Olimpico, subito mandato in campo da Mou al posto di Shomurodov, schierato invece nell’andata di Conference in Turchia. Stessi uomini nella sfida di ritorno e poi formazione pressoché identica a Salerno, a eccezione, come ricordato, di Carles Perez al posto di Zaniolo. “Voglio accelerare un po’ il processo, non voglio tempo e arrivare settimo-ottavo. Quando guardo la panchina ovviamente mi piacerebbe avere non dico più qualità, ma più esperienza – ammette Mourinho, spiegando implicitamente le sue sceltes – ne avremo bisogno. Ci sono rose più ricche della nostra, ma mi fa un piacere tremendo lavorare con questa gente”. 

Il tecnico, assoluto mattatore dentro e fuori dal campo, ha pubblicato sul suo attivissimo profilo Instagram (“l’ufficio stampa non riesce a controllarlo”), un video nel quale si vede lui, seduto in treno, di ritorno da Salerno, mentre mangia una pizza e beve una coca cola divertito. Una specie di bottino conquistato dopo la battaglia, per un allenatore che non lascia nulla al caso ed è sempre più immerso nella realtà romanista.

Pellegrini, show e contratto

Ma i quattro gol di Salerno consacrano capitan Pellegrini a leader di un gruppo del quale è ormai un punto di riferimento. Il giocatore, in scadenza, aveva accarezzato la possibilità di lasciare la Roma, anche perché criticato da parte dell’ambiente, sui social, negli ultimi anni, vittima delle difficoltà vissute da tutte la squadra. I due gol del poker di Salerno, il feeling col mister, le giocate, la tranquillità ritrovata a suon di prestazioni convincenti, restituiscono alla stagione della Roma un giocatore da blindare. Dopo la nazionale, come anticipato da Mourinho stesso, arriverà il rinnovo contrattuale per Lorenzo, un quinquennale, a circa quattro milioni a stagione (bonus compresi), senza clausole rescissorie.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime