Sassuolo-Empoli 1-2: Zurkowski firma il colpo al 92′

SASSUOLO – Match vietato ai deboli di cuore al Mapei Stadium, dove l’Empoli conferma la sua predisposizione ai viaggi. Non è turista per caso il signor Andreazzoli, visto che i suoi ragazzini terribili hanno vinto allo Juventus Stadium e fanno un’altra vittima eccellente. Il Sassuolo è appena tornato da Torino con il massimo bottino, e prova a sfruttare l’inerzia, dopo due vittorie di fila. Suggestione o no, il match negli episodi che ne determinano il risultato, ha un andamento diabolico. E alla fine i toscani confezionano un clamoroso scherzetto, e si portano a casa tutte le caramelle quando ormai sembrava dovessero dividerle.  

<<La cronaca della gara>>

Il calcio come gioco di squadra 

Esauriti i convenevoli (sono tanti gli ex dall’una e dall’altra parte, allenatore compreso) quando si comincia è subito palese il motivo per cui non c’è traccia di pareggio nella storia recente di Sassuolo ed Empoli. La partita si dipana sul filo di una coerenza con le idee calcistiche di due bei gruppi. Intensità, partecipazione corale, tecnica, sovrapposizioni e interscambi di ruolo, la prima parte di gara è un piacere per gli occhi, dei due tecnici e degli spettatori. Il ritmo frenetico, gli inserimenti dagli altri reparti in zona gol, le idee non mancano e il match è piacevolissimo anche se, per almeno mezz’ora, le difese cancellano gli attacchi. 

Traorè ipnotizzato da Vicario

Ci sarebbero sul tabellino due squilli empolesi firmati Pinamonti, ma entrambi sono viziati da una posizione irregolare. I giovani di sicuro avvenire mettono in mostra tutto il loro valore, la prima palla gol capita sui piedi di Traorè che a Empoli è cresciuto e a Empoli è legato. Fila via in ripartenza e davanti a Vicario gli calcia addosso, ma ci sentiamo di esprimere compiacimento al portiere più che definirlo un errore. Ci sono giovani ormai affermati, come Raspadori o Scamacca, ma a loro va aggiunto un ragazzo di sicuro avvenire che si chiama Viti e gioca centrale nell’Empoli. Il suo primo tempo è da incorniciare. 

Tonelli, che beffa!

Prima del riposo la beffa del gol dell’ex, Frattesi con il classico stile individuale porta avanti un pallone e invita Traorè sul fondo, il cross del giovane trequartista di fascia viene toccato con la punta del piede da Tonelli che spiazza Vicario.

Ferrari salva il Sassuolo  

Il match è lungo, gli allenatori sono chiari: bisogna continuare così. E dopo il via di Massimi, l’Empoli si alza meglio dai blocchi, dopo 5′ Henderson chiude un’insistita azione in area con un piattone al volo che supera Consigli ma trova la testa di Ferrari sulla linea a salvare i neroverdi. Pochi secondi e Consigli vola a deviare in angolo un grande colpo di testa ravvicinato, ma viziato da off side. Poi due angoli: insomma l’Empoli è indiavolato. 

Gli sprechi del Sassuolo

Il Sassuolo ha la forza dei nervi distesi, in vantaggio si soffre meglio. E così, passata a’ nuttata, Traorè trova un autostrada tra sè e la porta, al limite dell’area sposta la sfera sul destro e scarica un passante violento che grazia Vicario di qualche centimetro.Il match resta intenso e divertente, al 59′ Lopez mette a sedere Viti e imbuca per Scamacca che vede il suo piattone a colpo sicuro deviato da Tonelli in modo decisivo. E’ un botta e risposta conclamato, anche nei cambi: se Andreazzoli cerca polmoni e gambe leggere in attacco con Cutrone per Bandinelli, Dionisi chiama Defrel per Scamacca. La parte centrale della ripresa è quella che vede la maggior e spinta ospite, il Sassuolo resta sulle sue e in transizione ci prova. Dionisi sente che bisogna chiuderla: a venti minuti dalla fine toglie Raspadori per Boga, alla ricerca del suo primo gol stagionale. Come un presentimento, prima di spiacevoli sorprese.  

Un’emozione dietro l’altra

Il messaggio è recepito, Frattesi scaglia un pallone alto dopo essersi presentato ai trenta metri poi nella più bella “azione alla mano” da sinistra a destra, da Boga a Berardi e a Toljan, il tedesco entra in area e mette un pallone teso su cui Defrel si butta in scivolata mancando il tap in vincente. Non c’è un attimo di tregua, Cutrone calcia fuori dal limite, Kiriakopoulos rimedia con una perfetta diagonale a un’altra incursione di Di Francesco con palla messa in mezzo, Haas di controbalzo alza la mira da sotto misura. lL’Empoli insiste, accetta i rischi e gli va bene quando Henrique, entrato al posto di Traorè, si iscrive al tiro al bersaglio mettendo a sedere Tonelli ma calciando sopra la traversa. E poi Boga, entra in area ma tira su Vicario. 

Tanto tuonò che piovve!

Segni premonitori, evidentemente, il Sassuolo non chiude il match, Andreazzoli ha bisogno di forze fresche per il rush finale, ecco Zurkowski, Asllan e Parisi, quest’ultimo al posto di un Marchizza da annoverare tra i migliori. E all’82’ tanto tuonò che piovve: Chiriches sporca una prova inappuntabile aggan ciando fallosamente in area Cutrone, abile nell’anticiparlo. Rigore che PInamonti trasforma: 1 a 1.

Incantesimo polacco

Sembra il risultato giusto, con veleno nella coda dei due tempi, prima per l’uno e poi per l’altro. Ma, come dicevamo,   è match da notte di Halloween. Il Sassuolo si ribella al pari, l’Empoli sembra aver raggiunto il risultato, ma con i neroverdi destabilizzati, in pieno recupero, arriva la doccia fredda per Consigli & C. Henderson salta Lopez sul lato sinistro, ingenuo il playmaker emiliano, e mette un pallone radente. Zurkowski va incontro al pallone e sotto misura indovina una girata violenta che batte sulla traversa e supera la linea bianca. Chissà se in Polonia festeggiano Halloween… Di sicuro il Sassuolo – come Vasco – cerca un senso dove il senso non c’è.

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Toljan (39′ s.t. Harroui), Chiriches, Ferrari, Kyriakopoulos; Frattesi (39′ s.t. Muldur), Lopez, Traorè (25′ s.t. Boga); Berardi, Scamacca (16′ s.t. Defrel), Raspadori (25′ s.t. Henrique).  All. Dionisi
Empoli (4-3-1-2): Vicario; Stojanovic, Tonelli, Viti, Marchizza (35′ s.t. Parisi); Haas (35′ s.t. Zurkowski), Stulac (35′ s.t. Asllani), Bandinelli (16′ s.t. Cutrone); Henderson; Pinamonti, Di Francesco (42′ s.t. Romagnoli). All. Andreazzoli
Arbitro: Massimi di Termoli
Reti: 43′ p.t. Tonelli (aut.), 37′ s.t. Pinamonti (E, rig.), 45′ + 2′ s.t. Zurkowski (E)
NOTE: ammoniti: Scamacca, Stojanovic, Raspadori, Pinamonti, Defrel e Lopez. Recupero 1′ e 3′. 

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime