Salernitana, Colantuono: “La testa ci ha abbandonato, mi tengo il secondo tempo”

SALERNO – Un ritorno shock quello di Stefano Colantuono sulla panchina della Salernitana, tre anni dopo l’ultima volta. Il tecnico ha preso il posto dell’esonerato Castori e ha perso, al nuovo esordio granata, 4-2 all’Arechi contro l’Empoli. Un primo tempo disastroso, ma anche una ripresa giocata molto bene e che fa ben sperare per il futuro.

“Nella ripresa abbiamo reagito”

“Eravamo in emergenza, quindi siamo stati obbligati a tornare una difesa a tre con cui la squadra aveva fatto bene – ha commentato Colantuono ai microfoni di Dazn -. Dopo 12 minuti eravamo sotto di tre gol, non era facile risalire. Abbiamo subito anche il quarto gol su rigore, poi nella ripresa la squadra ha giocato una buona partita”. E infatti la Salernitana ha disputato un’ottima ripresa, forse per qualche parola detta dall’allenatore negli spogliatoi: “Non gli ho detto molto, di far finta che la partita cominciava con 45 minuti di ritardo – ha risposto Colantuono -. La partita era importante e non era facile dopo essere andati sotto subito. La testa ci ha un po’ abbandonato, ma poi nella ripresa abbiamo reagito e provato qualcosa di diverso. Si può ricominciare da questo tipo di discorso”.

“Ribery ce lo teniamo stretto”

Sicuramente il tecnico potrà fare affidamento su Franck Ribery che ha disputato una bella partita nonostante il risultato: “Ribery è di un’altra categoria ed è facile da gestire. Parlare di lui è superfluo, ha fatto una partita da grande giocatore. Ce lo teniamo stretto, le nostre partite passeranno molto dalle sue prestazioni”, ha concluso Colantuono.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime