Roma, Mourinho: “Non abbiamo dimenticato la gara col Bodo. Mi fido di Abraham”

ROMA – Fiducia totale nella squadra. Roma-Bodo Glimt di domani sera (ore 21) offre ai giallorossi una doppia occasione. Ripartire dopo il ko in campionato contro il Milan e soprattutto vendicare la figuraccia di due settimane fa in Norvegia, quel 6-1 che tante polemiche ha scatenato. José Mourinho è sicuro della reazione dei suoi, che puntano a guadagnare nuovamente la vetta del girone. Out Pellegrini, attesi in 40mila all’Olimpico.

“Abraham tornerà a segnare”

“Abbiamo sbagliato tutti nella gara di andata, non è una questione solo di singoli. Non abbiamo dimenticato cosa è successo in Norvegia e giovedì vogliamo vincere, ovviamente non giocherà la stessa squadra vista all’andata – ha detto l’allenatore portoghese in conferenza stampa -. Nel match di andata ho avuto paura del campo, del freddo, degli infortuni, della stanchezza e non ho avuto paura di una sconfitta. Ho sbagliato io, abbiamo sbagliato tutti”.

“Fiducia in Abraham”

Mourinho evita di parlare di quanto successo domenica con il Milan (“non parlo di arbitri e nemmeno di Serie A”), non dei singoli. A partire da Tammy Abraham, che non segna dal 30 settembre scorso: “Viene da una cultura calcistica diversa, cultura arbitrale diversa, anche sociale diversa – ha spiegato il tecnico portoghese – Penso che non sia mai facile, però ha iniziato abbastanza bene, ha creato un impatto positivo con l’ambiente e adesso vive un momento non speciale, però è un grande giocatore e abbiamo fiducia in lui. Tornerà a giocare meglio e segnerà. Abbiamo fiducia totale”.

Su Zaniolo: “Quando vieni da due anni di infortuni non è facile. Contro la Juve si è sentita la paura di un giocatore che ha sofferto tanto. È normale avere queste paure, solo il tempo può aiutare a dimenticare. Fisicamente sta bene, è fortissimo, ma ci sono dettagli dal punto di vista tattico che deve imparare e migliorare. È normale a 23-24 anni, specialmente quando hai perso due anni della tua carriera ai box”. Infine Shomurodov: “Io mi fido di tutti, di Eldor e Borja Mayoral, ma ci sono dei momenti in cui un calciatore ha meno fiducia e non è al meglio”, ha proseguito Mourinho a proposito dello scarso utilizzo dell’attaccante ex Genoa nelle ultime partite, al contrario del giovane Afena-Gyan, che non sarà della partita di giovedì contro il Bodo perché fuori dalla lista Uefa. “Ha delle qualità che non abbiamo perché è un giocatore che fa dei movimenti che noi non facciamo, è aggressivo nello spazio. Ma non è ancora un prodotto finito o un calciatore fatto e perfetto per essere titolare nella prima squadra, però ha un profilo che merita attenzione e bisogna lavorarci”.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime