Roma, Mourinho: “Io al Newcastle? Non lascerò i miei ragazzi. Zaniolo può farcela per il Napoli”

ROMA – “Farò un po’ di cambi ma siamo venuti fin quassù per vincere”. José Mourinho anticipa che farà turnover in Conference League contro il Bodoe/Glimt ma senza trascurare la competizione: “E’ vero che il fatto di avere 6 punti nel girone con due partite ancora da giocare a Roma ci dà una certa tranquillità ma dobbiamo riscattare una sconfitta. Affrontiamo un avversario che ha più qualità di CSKA Sofia e Zorya. E’ una squadra solida, la migliore del girone. Ha principi di gioco ben definiti: difende e pressa bene, ci attende una gara difficile”.

“Farò qualche cambio, non 11…”

A rendere ancora più ostica la trasferta c’è da considerare il lungo viaggio (4 ore di volo) e il campo in erba sintetica: “E in più ci sono il Napoli domenica e dopo due giorni il Cagliari…”, aggiunge Mourinho. “Per questo farò qualche cambio. Anche perché ho anche dei giocatori con qualche piccolo problema fisico. Non posso rischiare che qualcuno si faccia male. E’ per questo che Karsdorp e Zaniolo sono rimasti a casa. Non farò 11 cambi ma qualcuno. Anche perché poi comunque ho la possibilità di fare 5 sostituzioni dalla panchina inserendo gente che può cambiare la partita…”, sottolinea.

“Zaniolo può recuperare per il Napoli”

A proposito di Zaniolo, Mourinho si dice ottimista per un possibile recupero per domenica quando all’Olimpico arriverà il Napoli capolista: “Sì, ce la può fare. È un ragazzo con una storia clinica da rispettare, che ha sofferto tanto e gioca la prima stagione dopo la sofferenza. Quindi sono da rispettare le sue paure, i suoi momenti di incertezza e quando è così è bene rimanere a casa e riposare. Non è bene per un doppio infortunio al crociato giocare in queste condizioni. Vale anche per Karsdorp, dobbiamo proteggere giocatori con questa storia clinica”.

“Già dimenticato Orsato, pensiamo a ciò che di buono abbiamo fatto a Torino”

Il  tecnico portoghese tiene a chiudere definitivamente le polemiche arbitrali post Juve: “Dopo la partita ho analizzato la prestazione della mia squadra, non ho voluto analizzare la prestazione dell’arbitro. Sono veramente felice che sia stato così. Non è una partita da dimenticare, ma da ricordare per come abbiamo giocato, per l’atteggiamento avuto al cospetto di una squadra di status superiore al nostro. Sull’arbitro e sul modo in cui la partita è stata diretta sono contento di non aver detto niente e preferisco continuare a non farlo. In quel momento il focus era sul rigore-gol, ma quando si analizza la partita, dai primi minuti all’ultimo, c’è tanto da dire. Preferisco non dire niente ed essere concentrato sulla prestazione della mia squadra”.

“Newcastle? Non lascerò i miei ragazzi per i prossimi tre anni”

In chiusura Mourinho, intervistato da Sky, ha tenuto anche a spegnere sul nascere le voci che lo vorrebbero tra i candidati alla panchina del Newcastle il prossimo anno: “Non lascio i miei ragazzi per niente, è certo. Ho firmato per tre anni e nessuno me li farà lasciare”.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime