Roma, Mourinho: “Il gioco c’è, Abraham e gli attaccanti torneranno a segnare”

ROMA – “Se si fa un paragone tra i gol segnati e le occasioni c’è una contraddizione”. José Mourinho fotografa così il momento della Roma alla vigilia della trasferta di Venezia, ultimo impegno prima della sosta di novembre. “La squadra di Zanetti è molto equilibrata, non ha punti deboli e credo che rimarrà in serie A – commenta il tecnico giallorosso, che si trova ad avere tutti i terzini sinistri (Spinazzola, Vina e Calafiori) indisponibili -. In difesa ho tre opzioni con Mancini: Cristante, Kumbulla e Ibanez. Ho anche Tripi che non è un terzino sinistro, ma è un ragazzo che ha cultura tattica e nel precampionato ha giocato in quella posizione”. Sarà presente, invece, Lorenzo Pellegrini che stringerà i denti nonostante l’infiammazione da sovraccarico al ginocchio, che sta gestendo da giorni.

“Sarei più preoccupato se non riuscissimo a creare occasioni”

In attacco piena fiducia a Abraham alle prese con un momento non facile: “Abraham? Tornerà a segnare e si sbloccherà presto – prosegue Mourinho – Siamo tutti Abraham. Ci sono squadre che creano poco, ma segnano. Noi fatichiamo non in costruzione, ma nel tradurre in gol le occasioni che costruiamo. Sarei più preoccupato se non riuscissimo a creare. Borja Mayoral e Villar in coppa mi sono piaciuti, sono entrati bene. Borja ha fatto un paio di assist, ha dato movimento, qualità e ha aiutato la squadra in zona offensiva. Villar mi piace con la palla e non mi piace senza. In questo fondamentale deve migliorare, si è visto nel secondo gol del Bodo. Ha qualità, gli piace giocare offensivamente, con Veretout e Villar la squadra ha creato ancora di più”.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime