Roma, infortuni e gossip alle spalle: ecco Zaniolo, un anno dopo

“Ho passato il periodo più brutto della mia vita, ma per me questo è un nuovo inizio”. Dai pensieri bui, accarezzando la possibilità di lasciare addirittura il calcio, al riscatto, ritrovando il gol 402 giorni dopo l’ultima volta. Nicolò Zaniolo non ha chiuso occhio, impossibile domare le emozioni vissute nella gara contro il Trabzonspor, un misto di tutto: gioia, euforia, tra lacrime e risate. Il ragazzo ha infatti scelto le parole della canzone di Vasco Rossi, su Instagram, per festeggiare la sua rete, la seconda segnata dai giallorossi contro i Turchi. “Eh già, sembrava la fine del mondo, ma sono ancora qua”.

La fine del mondo, dopo la seconda operazione al ginocchio, in pochi mesi, nel settembre del 2020, sembrava davvero arrivata per lui, troppo giovane per sopportare un macigno del genere. E poi il gossip, con i riflettori improvvisamente accesi sulla sua vita privata, la nascita del primogenito, Tommaso, poche settimane fa, avuto dalla ex fidanzata, la studentessa romana Sara Scaperrotta, con la quale non è in rimasto in buoni rapporti.

Tutto compresso in un anno che ha rischiato di soffocare Nicolò, aiutato dalla famiglia a restare a galla, e spinto dalla voglia di riprendersi tutto con gli interessi. Ha mal digerito la decisione del ct Mancini di non portarlo all’Europeo, il numero 22, strafelice che la convocazione arriverà di nuovo nelle prossime ore. “Sono felicissimo, allenarmi con i campioni d’Europa mi aiuterà”. Recentemente ha lasciato l’appartamento al Torrino per trasferirsi in una villa con piscina vicino al mare di Ostia, a Casal Palocco. Un modo simbolico per lasciarsi alle spalle i mesi di esercizi e fisioterapia per recuperare il prima possibile, un gesto concreto per voltare pagina, cominciando una nuova vita. E così, tredici mesi dopo l’ultimo gol contro la Spal (22 luglio 2020), nella testa di Nicolò è passato di tutto. “Ho pensato a tante cose, al percorso che ho fatto, i miei compagni che entravano in campo e io li guardavo dalla tribuna. Ai tifosi che non hanno mai smesso di incoraggiarmi. Sono felicissimo, stasera penso sia un nuovo inizio. Ringrazio la mia famiglia che mi è stata vicina nei momenti bui, devo dire grazie a tutti per la fiducia che mi stanno mostrando”. E fondamentale il feeling con Mourinho, che ha parlato subito chiaro col ragazzo, nei primissimi giorni di ritiro a Trigoria, chiedendogli di limare aspetti caratteriali, mettendo al primo posto il lavoro, il rapporto con i dipendenti del centro sportivo, non perdendo mai di vista l’obiettivo. Lo Special One, ancor prima di conoscere Zaniolo di persona, lo aveva chiamato telefonicamente, per rassicurarlo, facendolo sentire importante e stimato. “Sin dal primo giorno ho visto che è un allenatore fantastico – conferma Zaniolo – ci mette in testa la mentalità vincente, di non mollare mai e tirare fuori il massimo da ognuno di noi. Quando ti giri e vedi Mourinho ti dà una carica in più. Sono felicissimo e dobbiamo continuare così per migliorare sempre di più perché quest’anno potremo dire la nostra. Ci alleniamo con lo spirito giusto, siamo tutti fratelli e siamo un grande gruppo. Abbiamo qualità e le mettiamo in campo”. Un entusiasmo che spingerà il giocatore a seguire la squadra a Salerno, domenica sera, nonostante debba scontare un turno di squalifica dopo l’espulsione rimediata contro la Fiorentina. “Ho fatto pure troppe vacanze…”, la motivazione.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime