Roma, Fonseca: “Consapevoli della forza dello United, ma siamo ambiziosi”

MANCHESTER  – La posta in palio è altissima e Paulo Fonseca è consapevole che il giudizio sulla stagione della Roma passa in buona parte dalla doppia sfida con il Manchester United. I giallorossi sono l’unica italiana ancora in corsa in Europa e la conquista del trofeo garantirebbe anche l’accesso alla prossima Champions League, ormai irraggiungibile attraverso il campionato. “Non capita tutti i giorni di giocare una semifinale europea – esordisce il tecnico portoghese nella conferenza stampa alla vigilia della gara d’andata a Old Trafford – Siamo consci dell’importanza di questo impegno e per noi è fondamentale avvertire il sostegno dei tifosi, che ci hanno dato una carica in più. Siamo motivati e vogliamo regalare loro un grande momento”, commenta Fonseca a proposito dei 2mila supporter che hanno salutato e incitato la Roma prima della partenza da Trigoria.

I tifosi della Roma, ammassati, incitano la squadra in partenza per Manchester

“Abbiamo preparato bene la gara”

Rispetto, ma nessun timore reverenziale nei confronti dei Red Devils di Solskjaer, secondi in Premier League a 10 punti dalla capolista City: “Affronteremo una grande squadra, forse la favorita per vincere la competizione. Abbiamo preparato bene la gara. Sappiamo che sarà difficile, rispettiamo il Manchester United ma abbiamo le nostre ambizioni – assicura Fonseca, che poi si sofferma anche sul ritorno a Old Trafford da ex di Smalling e Mkhitaryan – Ho parlato con Chris ed Henrikh che hanno giocato qui e hanno più esperienza”.

Smalling: “Sarà emozionante”

“Personalmente sto bene e se il mister vorrà sono pronto per giocare novanta minuti. Voglio dare il mio contributo, conosciamo l’importanza di questa sfida e ci piacerebbe dare ai tifosi un motivo per essere orgogliosi”. Chris Smalling ci tiene a fare bene contro la sua ex squadra e non nasconde che la partita avrà un sapore tutto particolare per lui: “Si sfidano due club che fanno parte della mia carriera. Sarà emozionante perché di fatto conosco ogni giocatore in campo”.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime