Quando si gioca, cosa si vince, chi partecipa: ecco la Conference League, l’anti-Superlega

ROMA – Segnatevi questa data: 19 agosto. Sarà quello il giorno dell’esordio ufficiale di José Mourinho sulla panchina della Roma. Tre giorni prima del via al campionato italiano, il tecnico portoghese potrà battezzare la neonata Conference League, l’ultima invenzione della Uefa, pensata con una missione impegnativa: rendere “più inclusive” le coppe europee. La Roma sarà la prima squadra italiana a partecipare al trofeo, il meno ricco e indubbiamente il meno nobile, ma studiato per allargare la partecipazione al maggior numero possibile di paesi, punto cardine dell’intera politica del presidente Ceferin (ed evidente mossa elettorale). Praticamente, l’antitesi della Superlega.

Mourinho e il rischio Tottenham

Intanto, una novità: nessuna delle 184 squadre che parteciperanno alla Conference League nel corso della stagione è direttamente qualificata ai gironi: per arrivarci bisogna guadagnarseli, passando dei turni estivi. La Roma e le formazioni delle prime 5 federazioni partono dall’ultimo turno eliminatorio, i cosiddetti playoff, in cui confluiranno anche 10 squadre eliminate dall’Europa League. Mourinho, che ha già vinto sia la Champions che l’Europa League, avrà quindi l’occasione di aggiudicarsi anche la nuova coppa. L’avversario più competitivo che troverà ad attenderlo sarà proprio il Tottenham, la sua ultima squadra, prima dell’esonero del 19 aprile. Oltre agli inglesi, anche il Villarreal (ma se vincesse l’Europa League nella finale contro lo United, retrocederebbe in Conference il Betis), il Rennes e l’Union Berlino, per i maggiori campionati europei.

Si guadagna il 30% meno dell’EL

Le partite si giocheranno il giovedì sera, alle 18.45 o alle 21, in concomitanza con l’Europa League, di cui la Conference è una sorellina piccola. E più povera. In palio, oltre al trofeo appena presentato (piuttosto simile all’Europa League), anche la qualificazione alla fase a gironi dell’Europa League dell’anno successivo. Per i premi in denaro invece non c’è da esaltarsi: in media, partecipando alla Conference si guadagna il 30% in meno rispetto all’Europa. Vincere può valere anche 20 milioni, la semifinale una quindicina. Una media, parla di non più di 7,5 milioni di premi, contro i 12 abbondanti della seconda coppa.

Spareggi per gli ottavi, finale a Tirana

La formula della competizione non è semplicissima: le squadre dei top 5 campionati europei entrano in scena il 19 agosto per l’andata dei playoff, gara di ritorno il 26 agosto (sorteggi il 2 agosto). Le 32 squadre che raggiungeranno la fase a gironi saranno divise in 8 gruppi da 4 squadre: la vincente di ogni girone si qualifica agli ottavi di finale, le seconde invece spareggiano con le terze classificate dei gironi di Europa League. Da quel momento, eliminazione diretta fino alla finale del 25 maggio. Che, per la prima edizione, sarà ospitata dallo National Arena di Tirana, in Albania. Un impianto costruito nel 2019 grazie al programma di assistenza Uefa HatTrick e che finora non ha mai accolto una finale europea.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime