Premier League, l’Arsenal batte 3-1 il Tottenham e allunga in vetta

Al momento stai visualizzando Premier League, l’Arsenal batte 3-1 il Tottenham e allunga in vetta

Premier League, l'Arsenal batte 3-1 il Tottenham e allunga in vetta

LONDRA – Tottenham rimandato, l’Arsenal si conferma e vola sempre più in testa alla classifica dopo un 3-1 indiscutibile oggi all’Emirates Stadium contro la squadra di Antonio Conte. Gli Spurs sono stati in partita fino al secondo tempo, dopo il pareggio a fine prima frazione di Harry Kane su un rigore regalato da un Gabriel per il resto impeccabile. Decisiva l’espulsione di Emerson Royal nel secondo tempo sul 2-1, per un brutto fallo su Martinelli, sebbene forse non da rosso. Eloquente la reazione di Conte, che inizia a prendersela in italiano: “Ma che c** fai?”, anche se non è chiaro se fosse riferito all’arbitro o al suo giocatore.

<<La classifica della Premier League>>

In ogni caso, l’Arsenal avrebbe meritato comunque. Il Tottenham è sempre una squadra velenosa, che può mordere letalmente in qualsiasi momento, come ha dimostrato nel primo tempo quando si è accesa improvvisamente nella parte finale e i gunners hanno sbandato. Prima, però, la squadra di Arteta si era resa molto più pericolosa degli ospiti, con Martinelli e Saka spesso incontenibili sulle fasce e con Xhaka – oggi superbo – che sfiora il palo con una rasoiata da fuori al 17esimo. È solo la premessa del gol che arriva due minuti dopo, anche stavolta con tiro da fuori, ma superlativo e imprendibile: ci pensa Thomas Partey, assistito da White, che da fuori calcia un interno destro ad effetto che beffa Lloris e si insacca nel sette.

Il Tottenham non ci sta, e inizia ad alzare il ritmo e a ripartire con più velocità e precisione. Perisic è sempre pericoloso e calcia fuori da buona posizione. Son e Richarlison oggi sono opachi ma almeno il brasiliano si guadagna il calcio di rigore dopo uno svarione dei padroni di casa. A realizzarlo con freddezza ci pensa Harry Kane, calciando centrale. La sensazione è sempre la stessa, con gli Spurs di Conte: possono subire per larghi tratti della partita, ma possono anche scatenarsi per pochi decisivi minuti in cui riescono a ribaltare la partita, come spesso è successo da quando il tecnico italiano è arrivato sulla panchina di Londra nord.

Non stavolta: perché l’Arsenal dimostra di essere tornata una squadra top, che può davvero vincere la Premier League quest’anno. Ha fatto gli acquisti giusti come Zinchenko e Gabriel Jesus, che finalmente è maturato e insacca la zampata del 2-1 a inizio secondo tempo, dopo un’indecisione tra Romero e Lloris dopo il tiro dell’inarrestabile Saka. L’attaccante brasiliano ha due altre opportunità ma non insacca. Poi viene espulso Emerson Royal, il Tottenham si sfilaccia e allora ci pensa Xhaka, autore di una partita straordinaria insieme agli altri del centrocampo Partey e Odegaard, a bucare Lloris per la terza volta e chiudere la partita. Oggi l’Arsenal ha dimostrato di essere una grandissima squadra quest’anno, dopo tre mezzi flop consecutivi di Arteta. E ora ha quattro punti sul Tottenham terzo e sul City secondo, che domani ha il derby con il Manchester United. 

Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments