Polonia: Putin col cappio al collo, coreografia shock degli ultras del Legia Varsavia

Polonia: Putin col cappio al collo, coreografia shock degli ultras del Legia Varsavia

Non è la prima volta e non sarà l’ultima. Gli ultras del Legia Varsavia ne hanno combinata un’altra delle loro con l’ennesima coreografia shock che farà sicuramente il giro del mondo: al Municipale di Poznan, in occasione del match di campionato tra il Lech Poznan e appunto il Legia Varsavia, il settore ospite ha mostrato un’imponente immagine del presidente russo, Vladimir Putin, con la maglia dello Spartak Mosca e un cappio al collo.

Non è la prima volta

La gara tra la prima in classifica, gemellata col club russo, e la squadra della capitale è finita 1-1, ma il risultato è passato in secondo piano dopo l’esplicito schieramento da parte dei tifosi dei “Militari”, come vengono definiti i giocatori del Legia Varsavia. Non è la prima volta, però, che gli ultras della formazione polacca mettono in scena coreografie discutibili. Nel 2017, nei preliminare di Champions contro i kazaki dell’Astana, i tifosi ricordarono in modo discutibile le violenze di Varsavia del 1944 con un soldato delle SS che puntava una pistola alla tempia di un bambino polacco. Una coreografia che costò al club 35 mila euro di multa dall’Uefa e che trovò l’immediata risposta dei tifosi con un’altra raffigurazione in occasione del match di Europa League contro lo Sheriff Tiraspol: un maiale con lo sfondo del logo Uefa e la scritta: “e i 35mila euro di multa vanno a…”. Solo per citarne un paio.

Fonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments