Pogba vicinissimo al ritorno alla Juve, quasi fatta anche per Di Maria

Qualche giorno fa Max Allegri aveva scherzato in conferenza stampa, stuzzicato sul mercato: “Pogba non me lo ricordo tantissimo”. Avrà tempo e modo per ricostruire il ricordo dato che il centrocampista francese è a un passo dal ritorno alla Juventus. Il Polpo ha rotto gli indugi e, salvo sorprese dell’ultimo minuto, riabbraccerà Torino e il bianconero, l’unico club in cui è riuscito ad essere un calciatore dominante sia tecnicamente che fisicamente. E in cui ha lasciato un ricordo ancora vivo nel cuore dei tifosi, letteralmente impazziti quando si è palesata la possibilità del clamoroso ritorno. A convincere Pogba non sono stati i soldi, che restano comunque tanti, altrimenti avrebbe accettato l’offerta economicamente più vantaggiosa del PSG.

Il ritorno del polpo

L’offerta della Juventus è un triennale da 7,5 milioni di euro come parte fissa, che con i bonus arriverà a 10 milioni totali: il contratto in scadenza permetterà al club di mettere le mani sul giocatore a costo zero, usufruendo oltretutto del Decreto Crescita, che prevede un risparmio sulle tasse del 50% per i professionisti che ritornano in Italia dopo aver lavorato all’estero per almeno due anni. Non saranno però i soldi il motivo scatenante: Pogba è rimasto con il cuore a Torino e non ha mai nascosto l’amore per la città e per i colori bianconeri, anche durante la parentesi al Manchester United, che si concluderà il 30 giugno. La chiave della trattativa è stata anche l’intervento di Max Allegri, colui che non si ricordava tantissimo del Polpo: in questi giorni il tecnico toscano ha giocato le sue carte per convincere il francese, prospettandogli un ruolo centrale nel progetto di rilancio della Juventus.

Il centrocampo rifatto

Sarebbe difficile non porre al centro del progetto il “numero dieci”, che dopo l’addio di Dybala ritroverà la maglia che aveva abbandonato per ritornare al Manchester United per 105 milioni di euro. Il centrocampo bianconero non è quello di qualche anno  fa, quando Pogba era un giovane campione in erba messo al fianco di un fuoriclasse come Pirlo e di campioni come Vidal e Marchisio. Il francese porterà la sua fisicità e la cifra tecnica, anche se non sarà l’unico volto nuovo nella mediana del prossimo anno. Smentite le voci  su un possibile arrivo in bianconero di Jorginho, che ha confermato la sua intenzione di rinnovare con il Chelsea, società che sta vivendo un momento di transizione e che non potrà fare mercato fino al passaggio di proprietà dalle mani di Abramovich.

Di Maria per l’attacco

Pogba non sarà il solo “parametro zero” ad accasarsi in bianconero in questo mercato. È ai dettagli anche l’arrivo di Angel Di Maria, attaccante esterno del Paris Saint Germain che è già ai saluti con il suo vecchio club: “Il PSG saluta Angel Di Maria dopo 7 stagioni trascorse in maglia rossoblù. L’argentino ha vinto 18 titoli ed è diventato il primo fornitore di assist di tutti i tempi del club”. Numeri che non mentono e che permetteranno all’argentino di incassare circa 7,5 milioni di euro a stagione: a 34 anni l’unico dubbio riguarda la durata del contratto, visto che il decreto crescita fornisce gli sgravi fiscali solo dal secondo anno di contratto. L’entourage del calciatore è propenso a un solo anno, mentre la Juve spinge per il biennale. Dettagli che non fermeranno la “rivoluzione dell’esperienza”, la scelta compiuta dal club bianconero per tornare a vincere

Pogba vicinissimo al ritorno alla Juve, quasi fatta anche per Di MariaFonte Repubblica.it

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments