Pioli: “Dobbiamo emozionare. Milan giovane? No, siamo cresciuti”

Il Milan non è più una sorpresa. Parola di Stefano Pioli che, alla vigilia della sfida casalinga con il Cagliari (oltre 30 mila biglietti venduti), alza l’asticella riguardo le aspettative del gruppo rossonero. “Non siamo più giovani. Lo siamo come anagrafica, ma non come calciatori. Siamo cresciuti tutti quanti in consapevolezza – sottolinea il tecnico -. Noi dobbiamo sempre avere questo entusiasmo che ci accompagna. Dobbiamo essere fluidi, dobbiamo emozionare noi stessi e i nostri tifosi. Poi quello che pensano i nostri avversari non lo so – spiega -, ma noi siamo cresciuti. Lo scorso anno potevamo essere una sorpresa, ma quest’anno dobbiamo confermarci. Domani affrontiamo una squadra difficile e ben strutturata, sappiamo delle difficoltà ma anche delle nostre qualità. La cosa importante è che la squadra entri in campo con le idee chiare”.

“Ibra e Kessie dalla prossima settimana in gruppo”

Pioli fa il punto su Ibrahimovic e Kessie: “Stanno migliorando, mi aspetto che la prossima settimana possano ricominciare a lavorare col gruppo per poi affrontare le partite importanti che ci aspettano”. Dopo la sosta, la squadra rossonera giocherà contro la Lazio, il Liverpool in Champions League e la Juventus. L’ultimo acquisto del mercato, Pellegri, non sarà convocato perché ancora non al meglio. “E’ in buone condizioni – spiega Pioli -, ma non ottimali e avendo avuto tanti infortuni stiamo facendo tutte le valutazioni per farlo lavorare con continuità. Non sarà convocato, ma la sosta lo aiuterà per rientrare a lavorare col gruppo”.

“Addio Ronaldo non cambia le gerarchie”

Gli addii di Lukaku e Ronaldo secondo Pioli non cambiano gli equilibri della serie A. “La partenza di Ronaldo per me è stata inaspettata, ma non cambia molto per le gerarchie: ci sono 7-8 squadre molto forti, sarà lotta fino alla fine”. Capitolo mercato: “Mi concentro solo sulla partita di domani, poi per quanto riguarda il mercato e i rinnovi mancano ancora dei giorni importanti, le valutazioni si fanno alla fine”.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime