Napoli-Venezia 2-0: Osimhen espulso, ma Insigne e Elmas trascinano gli azzurri

NAPOLI – Buona la prima di Spalletti in Serie A sulla panchina del Napoli. Gli azzurri infatti battono per 2-0 le neo promossa Venezia nonostante una partita diventata complicata a causa dell’espulsione di Osimhen nel primo tempo. Ma la compagine campana ha dimostrato di essere, a oggi, di una categoria superiore rispetto ai lagunari e nel secondo tempo si è portata a casa i tre punti grazie a un rigore di Insigne (che ne aveva sbagliato un altro poco prima) e a un gol di Elmas.

<< La cronaca della partita >>

Rosso Osimhen, Zielinski ko

Parte forte in Napoli che prova in ogni modo a sbloccarla fin da subito soprattutto con Osimhen che intercetta un rinvio di Maenpaa e per poco non fa gol. Il nigeriano insiste e prima ci prova da lontano, senza fortuna; quindi impegna il portiere ospite. Il Venezia si vede pochissimo se non al quarto d’ora quando Heymans ci prova con un diagonale, ma Meret è attento. I campani all’arrembaggio e Di Lorenzo manda la sfera sul fondo da buona posizione, mentre Maenpaa dice di no anche a Politano dopo una splendida palla di Insigne. Al minuto 23 episodio chiave: si batte un angolo e Osimhen dà un ceffone a Heymans. Aureliano lo vede e caccia il cartellino rosso. Per Spalletti piove sul bagnato perché al 35′ si fa male Zielinski: al suo posto entra Elmas. Il Napoli, profondamente cambiato, non impensierisce più la porta lagunare, mentre Caldara scalda i guantoni di Meret da lontano e Molinaro fa venire i brividi con un bel cross non raccolto dai compagni.

Osimhen parla con l’arbitro dopo l’espulsione (fotogramma)

Insigne sbaglia poi si fa perdonare

Comincia la ripresa e Spalletti rimedia subito un giallo protestando ancora per l’espulsione di Osimhen. Zanetti ritocca qualcosa e leva Ebuehi per inserire Svoboda. Al minuto 54 ospiti pericolosi quando arriva un cross di Di Mariano e Heymans di testa manda la sfera sul fondo. Due minuti dopo Elmas attacca a destra e crossa e Caldara respinge col braccio in area. E’ rigore, sul dischetto ci va Insigne che però calcia clamorosamente alto. All’ora di gioco il capitano azzurro ha la possibilità di farsi perdonare quando anche Ceccaroni commette fallo di mano in area sul tiro di Di Lorenzo. Insigne torna sul dischetto e stavolta spiazza il portiere.

La chiude Elmas

Dopo l’1-0 cade il castello di carta del Venezia che comunque ha la forza per reagire ma Forte viene fermato dal palo. E così, al 72′, la partita si chiude: Lozano, appena entrato al posto di Politano, attacca centralmente, quindi serve Insigne che ricambia il favore, Ceccaroni copre ma un rimpallo favorisce Elmas che controlla, si porta la sfera sul destro e insacca sul primo palo beffando Maenpaa. Il Venezia ci prova ancora con coraggio nei minuti finali ma per due volte Koulibaly fa valere tutta la sua classe e blinda il doppio vantaggio campano.

Napoli-Venezia 2-0 (0-0)
Napoli (4-3-3): Meret, Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui, Ruiz (26′ st Gaetano), Lobotka, Zielinski (35′ pt Elmas), Politano (26′ st Lozano), Osimhen, Insigne (39′ st Petagna). (25 Ospina, 12 Marfella, 2 Malcuit, 59 Zanoli, 5 Juan Jesus, 13 Rrahmani, 15 Palmiero, 23 Ounas). All.: Spalletti
Venezia (4-3-3): Maenpaa, Ebuehi (5′ st Svoboda), Caldara, Ceccaroni, Molinaro, Peretz (29′ st Galazzi), Fiordilino (18′ st Tessmann), Heymans (29′ st Dezi), Johnsen, Forte, Di Mariano (18′ st Sigurdsson). (12 Lezzerini, 28 Schnegg, 34 Bruno, 23 Karlsson, 19 Bjarakason). All.: Zanetti
Arbitro: Aureliano di Bologna
Reti: nel st 16′ Insigne (rig.), 27′ Elmas
Angoli: 2-2
Recupero: 2′ e 3′
Espulso: Osimhen (23′ pt) per fallo su Heymans
Ammoniti: Fiordilino, Caldara, Heymans, Ebuehi, Forte, Fabian Ruiz, Ceccaroni, Tessmann per gioco scorretto; Spalletti per proteste.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime