Napoli, Spalletti: “Sentivo che l’avremmo sbloccata. Il prossimo rigore? Lo tira Insigne”

NAPOLI – “Sono contento per il pubblico, che se lo merita: sentiamo, soprattutto dopo mesi di stadio vuoto, quanto è forte la passione, la voglia di gioire tutti insieme. Per questi motivi è stato importante”. Luciano Spalletti dedica al pubblico del Napoli l’ottava vittoria (su otto) del campionato azzurro, analizzando una prestazione positiva all’interno di una partita complessa: “Juric è un allenatore tosto, che sa caricare le proprie squadre e contro i suoi diventa sempre una battaglia, bisogna andare forti nei contrasti e riportare la palla nella loro metà campo, anche se difensivamente sono sempre messi molto bene. Non ho mai avuto il sentore di non poterla sbloccare: quando hai a disposizione dei calciatori forti nel reparto offensivo, come nel caso del Napoli, un po’ di soluzioni ci sono sempre e si va a sperare di trovare il gol. Siamo cresciuti come mentalità, disponibilità, voglia di dare battaglia”.

Osimhen, Rrahmani e gli altri

Spalletti non ha paura di parlare dei singoli: “Osimhen è un giocatore fortissimo ed è in grande forma, ma quello che è fondamentale è vederlo che va a prendere delle cose a cui prima non dava importanza. Sta diventando un calciatore completo. Rrahmani si è guadagnato questo fatto di essere titolare, è un calciatore di livello, deve solo migliorare un po’ nelle scelte di costruzione ma è difficile andarlo a sorprendere: ha posizione, ha fisico, è un ragazzo disponibilissimo. Anguissa sa far tutto, deve migliorare forse un po’ nell’imbucata ma è una roba incredibile. Macina chilometri, nello stretto sa sempre direzionare la palla e soprattutto è un bravo ragazzo, un professionista serio. Ha la stoffa giusta per questo spogliatoio”.

Fiducia a Insigne

Tra i protagonisti del match, suo malgrado, anche Lorenzo Insigne, che ha sbagliato il rigore del possibile vantaggio ed è apparso molto scoraggiato per questo, fino al sollievo finale sul gol di Osimhen: “Insigne vive questa situazione con lo spirito di chi ama questi colori. Soprattutto ora che la squadra è in alto e i compagni gli danno forza, ci sta che sia dispiaciuto per non aver contribuito. Il prossimo rigore, se c’è, per me lo batte sempre Insigne. Quello dopo ancora Lorenzo, quello ancora dopo il capitano. Ci servirà lo spirito di squadra ora che abbiamo la pressione addosso, bisogna sempre imporsi e non sarà facile, vedo una squadra che sta crescendo dal punto di vista fisico, della compattezza, è bello vedere i ragazzi che rientrano a difendere: Insigne ci ha salvato in un’occasione fino in area di rigore. Sono cose che creano spirito di gruppo. Anche stasera secondo me siamo stati a un buonissimo livello, abbiamo costruito e lottato”.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime