Napoli, Spalletti: “Ora è tutto più difficile”

NAPOLI – “Adesso si fa tutto più difficile”. Luciano Spalletti non può fare a meno di riconoscere che la strada del Napoli, dopo il ko in casa contro la Fiorentina, si è messa in salita. “Non abbiamo altra scelta se non essere professionisti col timbro di qualità. Ora pensiamo a vincere la prossima partita, anche se ora dipende dagli altri e non da noi. Faccio fatica a digerire la sconfitta perché per certi versi non la meritavamo. Loro non hanno rubato niente perché hanno fatto la partita giusta. Abbiamo un po’ di colpe per le difficoltà emerse, dispiace per il pubblico”.

Le ragioni tattiche

Ai microfoni di Dazn, Spalletti cerca di fare il punto sul match: “Abbiamo giocato qualche palla lunga e non abbiamo mantenuto le distanze, così loro ci hanno preso a centrocampo. Dopo il gol del pareggio eravamo dentro pieni e c’è stato quell’episodio del fallo non fallo su Mario Rui che ha provato l’anticipo mentre Gonzalez l’ha fatta scorrere. Anche il terzo l’abbiamo presa in maniera simile, perdendo male il pallone. Oggi Osimhen non era al massimo della condizione avendo saltato un paio di allenamenti e il viaggio per la nazionale alle spalle. a fatto bene, ma poteva far meglio in questi duelli fisici in cui poteva far salire la squadra e creare così problemi alla difesa della Fiorentina”. Spalletti spiega anche la situazione di Fabian Ruiz: “Non si sta allenando perché ha qualche problemino. Zielinski sa ugualmente gestire la palla con qualità e ha lo strappo facile, ho provato a forzare un po’ per riprendere il risultato”.

“C’è tanta rabbia, volevamo vincere a tutti i costi. Siamo delusi ma dobbiamo andare avanti. Niente è finito, siamo ancora lì. Lunedì prossimo avremo una gran partita con la Roma. Dobbiamo guardare di partita in partita come fatto a inizio stagione”, ha detto il capitano del Napoli Kalidou Koulibaly. “Abbiamo iniziato bene la partita, abbiamo messo l’enegia giusta, peccato aver preso questi gol ma abbiamo dato tutto. Dobbiamo lavorare, sono 4-5 partite che prendiamo sempre gol. Non teniamo la porta inviolata e questo ci condiziona. E’ vero che davanti abbiamo occasioni ma dietro dobbiamo essere solidi. E non è così”. “Dobbiamo ancora crederci, la stagione è ancora lunga e può succedere di tutto -ha concluso il senegalese – Ma dobbiamo giocare in casa così come giochiamo fuori, abbiamo perso tanti punti in casa e mi dispiace per i tifosi perché non lo meritano”.

Napoli, Spalletti: "Ora è tutto più difficile"Fonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments