Napoli, Spalletti: “Non c’è euforia ma consapevolezza”. Osimhen, rientro rinviato

Al momento stai visualizzando Napoli, Spalletti: “Non c’è euforia ma consapevolezza”. Osimhen, rientro rinviato

NAPOLI – È più di una parentesi tra la doppia sfida di Champions League contro l’Ajax, per il Napoli: reduce dalla trionfale goleada di Amsterdam e atteso mercoledì dalla gara di ritorno al Maradona contro gli olandesi, in cui agli azzurri basterà un pareggio per passare con largo anticipo agli ottavi di finale. Ma in mezzo c’è la trasferta di campionato a Cremona e la squadra di Luciano Spalletti ha un solo modo per consolidare il suo primato in classifica anche in campionato: continuare a spingere al massimo sull’acceleratore, nonostante l’inevitabile stanchezza per il durissimo tour de force d’autunno. Per questo il tecnico toscano alla vigilia ha chiesto continuità alla sua squadra. “Dobbiamo mantenere le promesse che ci siamo fatti a inizio anno, di allenarci bene e fare sempre le cose in maniera giusta. Tutti stanno dando l’anima per passare dalle parole ai fatti, per dare felicità alla nostra gente e farla durare più a lungo possibile, specialmente quella dei bambini che tifano per noi. È la grande responsabilità che abbiamo indossando questa maglia”.

Osimhen, rientro rinviato

Tra i convocati non ci sarà Osimhen. “I test fisici dicono che gli manca ancora qualcosa, è meglio che resti a Castel Volturno per allenarsi, così sarà pronto per la prossima partita”. Il nigeriano ci sarà mercoledì con l’Ajax, ma Spalletti ha tante soluzioni in attacco e anche per questo ha deciso di non rischiarlo nella trasferta di Cremona. “Stiamo bene. Non c’è euforia nel nostro spogliatoio, ma solo la consapevolezza di poter fare cose importanti. Idem per la gente: vedo equilibrio pure in città, anche se stiamo facendo bene. Tutti sanno però che bisogna mantenere lucidità e avere continuità. Il campionato è lungo e la maturità dell’ambiente ci è di aiuto”, ha sottolineato il tecnico, senza peraltro sminuire il magic moment della sua squadra. “Si tende a enfatizzare i colpi dei singoli, invece stiamo ottenendo dei risultati importanti soprattutto per la nostra capacità di muoverci in maniera corretta in campo, di sacrificarci per il compagno ed essere sempre un collettivo. Noi lavoriamo per questo”.

“Servirà la grinta degli ultimi allenamenti”

Ma Spalletti sa che ogni partita sarà un esame, per il nuovo Napoli. “Ci aspetta una trasferta insidiosa, anche se troveremo un ambiente bellissimo, Cremona è una città che vive il calcio in maniera corretta, al di là dei risultati e della classifica. Probabilmente troveremo una squadra più chiusa e avremo meno spazio, rispetto alla sfida di Amsterdam. Ci saranno molti duelli individuali e servirà la grinta che ho visto negli ultimi allenamenti. Se siamo questi, abbiamo buone possibilità di vincere la partita. Nessuno è dispiaciuto per aver avuto meno spazio di altri”.

Le rotazioni sono dunque un’opzione e non un obbligo, per il tecnico. “Nel calcio moderno non esiste la partita da turn over, altrimenti si rimane indietro. E’ necessario basare la gestione della rosa con una rotazione continua, gara per gara. Ndombele ha giocato un tempo a metà settimana e uno nella gara precedente, quindi alla fine il minutaggio è di una intera. E’ fisiologico che qualcuno possa abbassare un po’ il livello. Per prevenire questo, se si riescono a cambiare 2-3 calciatori per gara, è meglio per tutti. Chiarisco, però: non ci sono riserve”.

I dubbi di formazione

Sotto osservazione ci sono Zielinski e Kvaratskhelia, con il primo che potrebbe tirare il fiato con la Cremonese. Ci sarà invece il georgiano, con Politano e Raspadori in ballottaggio con Lozano e Simeone per le altre due maglie del tridente. In difesa spazio a Mario Rui e uno tra Ostigard e Juan Jesus. Ma Spalletti ha fatto pretattica. “Non darò altre indicazioni. La formazione la dirò solo ai giocatori a poche ore dalla sfida con la Cremonese”. Il Napoli vuole tenere alta la guardia.

Napoli, Spalletti: "Non c'è euforia ma consapevolezza". Osimhen, rientro rinviatoFonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments