Napoli, Spalletti: “Le gare con il Leicester sono quelle che sognamo. Turn over? Ancora non ce n’è bisogno”

LEICESTER – Luciano Spalletti parla alla vigilia della sfida con il Leicester, debutto del Napoli nella fase a gironi di Europa League.

Dica, Spalletti: anche l’Europa League può essere un obiettivo stagionale del suo Napoli?
“Certo. In primis perché chi fa il mio lavoro deve essere credibile. Noi siamo stati per due mesi in ritiro, cercando sempre di trovare qualcosa di attraente e stimolante per il gruppo. Non possiamo quindi fare qualcosa di diverso da ciò che abbiamo predicato. Noi sogniamo queste partite e non snobbiamo assolutamente nulla”.

Leicester, Udinese e Sampdoria: come gestirà le tre trasferte in una settimana?
“Bisogna ottimizzare i tempi di recupero dei giocatori., anche con le rotazioni. Ma questa è solo la prima partita e faremo turn over in minima parte, non siamo ancora nella condizione di dover cambiare 4-5 calciatori”.

Come sta Insigne? Può giocare?
“Lorenzo si è allenato stamattina e ha fatto tutto il lavoro con i suoi compagni: se avrà sensazioni positive tra stasera e domani, quindi, potrebbe essere anche lui della partita. In fondo ha saltato per il fastidio al ginocchio un solo allenamento, di quelli più ritmati. Insigne è nelle condizioni di essere scelto nella formazione di partenza”.

Tra Juve e Leicester il livello si è alzato. Le piace?
“Sicuro: la nostra vita e la nostra professione saranno segnate dal comportamento in queste partite qui”.

Zanoli può giocare titolare domani?
“Si sta comportando bene, sta facendo abbastanza in fretta quelle conoscenze e quella crescita che sono necessarie per essere di questo livello. E’ chiaro che però dobbiamo fare delle valutazioni. Malcuit ha fatto delle esperienze più importanti nei campionati precedenti, rispetto a un giovane come Zanoli. Ma con 5 sostituzioni e con una partita lunga 95 minuti può esserci spazio per tutti”.

Il tecnico del Leicester Rodgers le ha fatto i complimenti e ha detto che si aspetta il Napoli con il 4-3-3.
“Lo ringrazio dei complimenti. Noi abbiamo usato il 4-3-3, lo abbiamo lavorato a lungo, ma poi bisogna fare anche altre cose nel corso della stessa partita. La squadra sa interpretare 4-3-3 e 4-2-3-1. Ci vogliono calciatori che abbiano senso tattico e sappiano attaccare, solo così possiamo fare entrambi i moduli”.

Con Spalletti si è presentato in conferenza anche Zambo Anguissa, ex Fulham.
“Sono molto felice di essere nel Napoli. Il Leicester? Gioca con grande intensità, conosco bene questa squadra. La differenza principale tra la Premier e la serie A riguarda proprio l’intensità: il calcio italiano è più tattico, in Inghilterra si gioca diversamente. Vardy sarà l’uomo da temere, ma non è l’unico punto di forza dei nostri avversari. Dobbiamo pensare a tutta la squadra”.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x