Napoli, Spalletti: “Dobbiamo prendere le partite per il collo, vedremo chi stringe di più”

BERGAMO – Il Napoli ha superato l’ennesimo esame scudetto e ora Luciano Spalletti non può più nascondersi. La vittoria di Bergamo proietta gli azzurri nel migliore dei modi verso la lunga volata finale: “Dobbiamo continuare a vincere e ad avere un comportamento da squadra di rango, dobbiamo prendere al collo ogni partita che ci passa davanti, poi vediamo chi stringe di più” le parole del tecnico toscano dopo la sfida con l’Atalanta. “Dobbiamo guardare negli occhi gli avversari, i giocatori lo hanno capito e percepito, sono tutti lì determinati a giocare la prossima partita. Non possiamo non valutare bene la situazione che c’è davanti in classifica. In casa e fuori non fa differenza, la posta in palio è troppo alta: sono carri che potrebbero non ripassare più. Secondo me qualcosa è cambiato a livello di atteggiamento, ci siamo resi conto che dobbiamo fare quello in cui siamo bravi. Nel momento di difficoltà soffri, ti adatti, poi riprendi in mano quella che è la tua convinzione, quella che è la tua qualità. Per quello che è il livello di calcio non dobbiamo avere né timori, né pensieri esagerati”.

Una prova di maturità

Spalletti vede un gruppo trasformato, estremamente cresciuto: “La disponibilità della squadra a soffrire e a rincorrere gli avversari c’è stata, abbiamo messo la partita nel binario congeniale e il terzo gol ha cambiato definitivamente il match, se avessimo continuato a difendere non l’avremmo portata a casa. C’è stata dall’inizio la convinzione, anche se nel primo quarto d’ora non siamo entrati bene, ma questa squadra è maturata”. I punti iniziano a essere pesantissimi: “Adesso ogni partita sarà così. Siamo arrivati fin qui con tanti sacrifici, non possiamo valutare bene la situazione che ci aspetta”.

La sorpresa Zanoli

Il tecnico spende parole al miele per Alessandro Zanoli, classe 2000, all’esordio dal 1′ in campionato: “Mi ha entusiasmato per la forza e la tranquillità con cui ha giocato. Ma c’è anche il resto della squadra: ho fatto i complimenti a Mario Rui, anche Insigne si è ripresentato bene nonostante la Nazionale. Diventa fondamentale avere i nostri tifosi vicini come oggi, sono tutti lì a spingere e a stare al fianco della squadra per trasferire il loro entusiasmo, la loro gioia di essere tifosi del Napoli. Per noi è un grande contributo”. Un passaggio anche sull’Atalanta: “Al Maradona vinsero con merito, oggi ho visto un Napoli cresciuto. Siamo due buone squadre”.

Napoli, Spalletti: "Dobbiamo prendere le partite per il collo, vedremo chi stringe di più"Fonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments