Monza, Ranocchia rescinde il contratto: infortunio troppo lungo. E potrebbe lasciare il calcio

  • Commenti dell'articolo:3 commenti
  • Categoria dell'articolo:Serie A Repubblica.it
  • Tempo di lettura:3 minuti di lettura
Monza, Ranocchia rescinde il contratto: infortunio troppo lungo. E potrebbe lasciare il calcio

Al Monza nessuno se lo aspettava e Galliani ha anche deciso di dissuaderlo, ma Andrea Ranocchia non ha cambiato idea: ha chiesto (e ottenuto) la risoluzione del contratto che aveva firmato tre mesi fa, rinunciando a quasi due anni di stipendio, visto che l’accordo sarebbe scaduto il 30 giugno 2024.

Dalla firma con il Monza al grave infortunio di Napoli

Ranocchia era stato il primo storico acquisto del Monza in serie A: svincolato dall’Inter, dove ha giocato dal 2011 al 2022 salvo due parentesi con Sampdoria e Hull City, aveva subito accettato la proposta del club brianzolo, che lo avrebbe messo al centro della difesa a tre di Stroppa e dove pensava di chiudere la carriera. Ma alla prima partita, quella del 21 agosto in casa del Napoli, la sua esperienza è stata stroncata da un grave infortunio, la frattura di tibia e perone della gamba destra, con una prognosi di circa quattro mesi.

La rinuncia a due anni di stipendio

In un primo momento, Ranocchia aveva manifestato la sua voglia di continuare. Il giorno dopo l’infortunio, sui social aveva postato una foto con il gambone ingessato e un messaggio di coraggio: “Posso solo dirvi che tornerò presto”. Ma evidentemente nelle settimane successive ha maturato pensieri diversi, fino ad arrivare alla conclusione di dire basta. Galliani e tutto l’ambiente ne sono rimasti sorpresi, anche perché non è consueto che qualcuno rinunci a venti mesi di guadagni sicuri, però Ranocchia deve aver preferito non essere di peso e deciso di cominciare ad occuparsi del futuro.

I dubbi sul futuro e l’idea del ritiro

Benché non abbia ancora ufficializzato nessuna decisione, sembra infatti probabile che l’ex interista lascerà il calcio giocato. Nelle sue corde c’è più una carriera aziendale rispetto a quella di allenatore, anche se sono molti i precedenti di calciatori (l’ultimo è stato Pirlo) che hanno scoperto solo dopo aver smesso la vocazione per la panchina.

Il suo gioiello medievale alle porte di Assisi

In ogni caso, un investimento importante Ranocchia l’ha già fatto, ristrutturando una splendida struttura alle porte di Assisi, la sua città natia, per offrire ospitalità e ristorazione: si chiama Borgo Antichi Orti ed è un ex convento benedettino del Quattrocento dove si può dormire, mangiare, fare yoga, farsi massaggiare, imparare a trattare le erbe dell’orto (biologico) ma anche organizzare matrimoni e ricevimenti. Quando riuscirà a rimettersi in piedi non starà con le mani in mano, anche se magari non darà più un calcio al pallone.

Monza, Ranocchia rescinde il contratto: infortunio troppo lungo. E potrebbe lasciare il calcioFonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
3 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
castigamatti
Ospite
castigamatti
9 giorni fa

“Il Corriere della Sera odierno su Vlahovic: “Nervoso e impreciso dentro la crisi Juve”
solo un anno fa NESSUN ARBITRO avrebbe annullato il gol contro la salernitana
NESSUN ARBITRO avrebbe dato un rigoe al benfica.
NESSUN ARBITRO avrebbe espulso di maria.

la crisi della giuve é solo questo:
la fiat non esiste piú, é un’industria europea, non italiana.
e la politica non impone piú agli arbitri e alla figc di proteggere la giuve.

castigamatti
Ospite
castigamatti
9 giorni fa

vecchi bacucchi che ormai usano le pillole per la memoria piú degli integratori e rubano lo stipendio invece di lasciare spazio ai giovani italiani…

esaltati attaccati ai soldi che vanno a giocare in america o in arabia perché ormai inadatti ai campionati europei…

e poi c’é ranocchia,che capisce quando é ora di smettere e lo fa con signorilitá, semplictá e onestá.

castigamatti
Ospite
castigamatti
9 giorni fa

Galliani: Cosa ne pensa della scelta di Ranocchia?
“Ranocchia è una persona stupenda, l’hanno sempre detto i suoi allenatori e i suoi compagni. Sono pochi i calciatori che rinunciano al denaro. Lui l’ha fatto. E’ una scelta sua, personale, non sollecitata da noi. E’ stato lui a volerlo.

ESATTAMENTE COME HA FATTO IL GOBBO CONTE…