Mondiali Qatar 2022, il Gruppo B di Inghilterra, Usa, Iran e Galles

Al momento stai visualizzando Mondiali Qatar 2022, il Gruppo B di Inghilterra, Usa, Iran e Galles

Al Mondiale di calcio in Qatar c’è un girone in cui si parla inglese. Nel Gruppo B si affronteranno Inghilterra, Galles e Stati Uniti. E poi l’Iran, che rende il raggruppamento interessante soprattutto per gli aspetti geopolitici che circondano la partita con la nazionale stelle e strisce. E non è da escludere che il clima, intorno alla squadra di Teheran, durante la manifestazione sarà pesante: in molti, a partire dagli sportivi e dagli attivisti iraniani, hanno chiesto alla Fifa di escludere la rappresentativa asiatica per le proteste represse nel sangue e per la morte di Mahsa Amini e Hadith Najafi.

Inghilterra, la favorita del Gruppo B

La squadra del ct Southgate, battuta dall’Italia nella finale di Wembley dell’Europeo, è la favorita del Gruppo B. Anche se dovrà fare a meno degli infortunati Phillips e James. La stella della nazionale dei Tre Leoni è il capitano Harry Kane, centravanti del Tottenham. È una rosa piena di talento e il cammino in Qatar dipenderà molto dalla vena di chi dovrà supportare e ispirare il numero nove. Da Foden a Grealish, da Greenwood a Mount, da Rashford a Saka e Sterling fino al gioiellino del centrocampo Bellingham. E poi, sulla fascia destra, non mancherà la spinta del terzino del Liverpool Alexander-Arnold, tra i migliori interpreti al mondo del ruolo. “Non c’è una malediazione su di noi, abbiamo tutto per vincere”, ha spiegato il tecnico inglese in un’intervista esclusiva a Repubblica.

Stati Uniti, tanti giovani in vista del Mondiale in casa del 2026

Da Londra a Washington con ambizioni diverse. Le scelte del ct degli Stati Uniti, Gregg Berhalter, vanno oltre il Qatar: nel 2026 il Mondiale si giocherà tra Canada, Usa e Messico e per questo il progetto, fondato su una rosa giovane, è a lungo termine. Nelle ultime uscite sono stati convocati sette giocatori sotto i 22 anni e addirittura dodici U23. Tra questi anche alcune conoscenze del calcio italiano ed europeo: Pulisic del Chelsea, il figlio d’arte Weah del Lille, l’interessante centrocampista Busio del Venezia, Gio Reyna del Borussia Dortmund e Pepi dell’Agusburg. Giovani, ma con tanta voglia di stupire.

Galles, la missione di Gareth Bale

Potrebbe essere l’ultimo Mondiale in cui il Galles si chiama così: la Federcalcio di Cardiff sta valutando se chiedere di poter cambiare il nome in “Cymru”, la traduzione in gallese. E sarà l’ultimo Mondiale di Gareth Bale, mister cento milioni (tanto lo pagò il Real Madrid), che solo con la maglia della nazionale ha dimostrato di essere ancora un calciatore di grande livello. Ha trascinato la squadra in Qatar vincendo il play-off contro l’Ucraina, vorrà ripetersi in Medio Oriente. All’esperienza dell’attaccante dei Los Angeles Galaxy l’esperienza dell’ex juventino Aaron Ramsey e del fantasista del Fulham Daniel James. Pronti a stupire la stellina offensiva Brennan Johnson e il difensore Neco Williams, entrambi giocatori del Nottingham Forest.

Iran, un attacco europeo per sognare gli ottavi

Al di là delle tensioni esterne al campo, l’Iran che si presenterà in Qatar sarà un avversario di tutto rispetto. Che ha vinto il proprio girone di qualificazione del raggruppamento asiatico. Le speranze della nazionale di Teheran sono legate alla coppia offensiva “europea” formata dall’attaccante del Bayer Leverkusen Azmoun e dal centravanti del Porto Taremi.

Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments