Milan, Pioli: “Decisivi i cambi, ma la squadra mi è piaciuta sempre”

Per più di un’ora, il muro eretto dal collega Zanetti ha retto agli urti del suo Milan. Poi, grazie anche alla freschezza dei nuovi entrati, Pioli è riuscito ad avere ragione del Venezia e a portare a casa altri tre punti, che consentono ai rossoneri di raggiungere l’Inter in vetta in attesa del Napoli. “Il Venezia è stato molto bravo a chiuderci gli spazi – ha ammesso Pioli ai microfoni di Sky Sport -, sono stati decisivi i cambi nella ripresa. Ma a me la squadra è piaciuta anche nel primo tempo, è chiaro che se non segni gli avversari prendono fiducia ma per me la prestazione è stata positiva per tutta la partita”.

“Poco brillanti? Tra infortuni e impegni ravvicinati…”

Secondo l’allenatore rossonero, con i tanti impegni ravvicinati e gli infortuni non è facile mettere sempre in campo una squadra che sia brillante per 90 minuti: “Dispiace non avere tutti a disposizione, avrei fatto più cambi perché non è facile mantenere certi ritmi giocando quattro partite in dieci giorni. Tutte le partite sono da giocare con intensità, il Venezia oggi ci ha messo in difficoltà”.

Il ‘nuovo’ Brahim Diaz

Come contro la Sampdoria nella prima giornata, a sbloccare un risultato che si stava indirizzando verso lo 0-0 è stato Brahim Diaz. “È un ragazzo che ha sempre creduto tantissimo nelle proprie qualità – ha spiegato Pioli – , l’anno scorso ha avuto bisogno di un periodo di adattamento, noi giocavamo con un trequartista che era più centrocampista mentre lui è un trequartista puro. Lui è tornato con grande voglia e piacere di lavorare con i compagni e mi fa piacere che si stia togliendo diverse soddisfazioni.

L’elogio a Leao e Tonali

Uno dei punti di forza del Milan è certamente la difesa: i gol subiti nelle prime cinque giornate di campionato sono appena due. “Se la fase difensiva funziona così bene è anche grazie al grande lavoro degli attaccanti – ha sottolineato il tecnico rossonero – , la squadra deve essere attiva in tutte e due le fasi. Se continueremo a farlo, potremo dire la nostra”. C’è poi spazio per parlare di due singoli, Rafael Leao e Tonali, che hanno iniziato alla grande dopo una stagione in chiaroscuro. “Io ho trovato tutti i miei calciatori migliorati all’inizio del ritiro estivo – ha puntualizzato Pioli – , Leao sta dimostrando che il lavoro che abbiamo fatto su di lui l’anno scorso è servito. Rafa è un giocatore che può farci vincere qualsiasi partita, ma da lui è giusto aspettarsi le giocate decisive perché ha grandi qualità. Tonali ha mezzi fantastici, è un centrocampista completo, di quantità, qualità e intelligenza. Ha ancora tante piccole tappe da superare, ma il suo valore non è in discussione e sta dando un grande contributo”.

“Non so se ci sono squadre più forti di noi”

E a proposito della lotta scudetto, il tecnico non nasconde che il suo Milan ha tutte le carte in regola per giocarsela. “È difficile comparare i valori delle rose delle avversarie, noi non abbiamo molti giocatori che in carriera hanno vinto qualcosa ma questo può anche essere una motivazione in più per dare il massimo. Ho una rosa molto profonda e devo ringraziare la società per avermi messo a disposizione tanti titolari. Siamo il Milan e dobbiamo provare a vincere, ci sono tante altre squadre forti, non so se ce ne siano più forti di noi ma ce la giocheremo con tutti. Se i miei giocatori pensano di vincere lo scudetto, sappiano che dovranno fare un grande sforzo. Ma le qualità ci sono”, assicura Pioli.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime