Milan-Dinamo Zagabria 3-1: Giroud, Saelemaekers e Pobega portano i rossoneri in testa al girone

Al momento stai visualizzando Milan-Dinamo Zagabria 3-1: Giroud, Saelemaekers e Pobega portano i rossoneri in testa al girone
Milan-Dinamo Zagabria 3-1: Giroud, Saelemaekers e Pobega portano i rossoneri in testa al girone

MILANO – Lunga vita a Leao, chiosavano i tifosi dopo la vittoria del Milan. Maldini ha ammesso di avere respinto le offerte del Chelsea, aggiungendo che il matrimonio s’avrebbe da rifare al più presto col prolungamento del contratto. Ma ha anche precisato che tutto dipende dal prodigioso Rafa. Di sicuro, assai più lineare della nomina del primo Cda dell’era Cardinale ancora molto targato Elliott, il 3-1 sulla Dinamo Zagabria illuminato dal funambolo portoghese scrive una pagina non banale del ciclo del soddisfatto Pioli: “Possiamo sognare”. Il primo posto nel girone di Champions è invidiabile per affrontare dopo la sosta le due sfide col Chelsea. Sono 15 anni – stagione 2007-2008 – che il Milan non vince un girone europeo e trovarsi sia pure temporaneamente sulla cima non più tempestosa è una piacevole sensazione dimenticata. Le fa da corredo la prima vittoria in Champions a San Siro dopo 9 anni (la vittima fu il Celtic).

<<La cronaca della gara>>

Ha funzionato anche in Europa la formula offensivista sfoggiata in Italia, fatta di presenze in sovrannumero nella metà campo avversaria. Dopo alcune parate di Livakovic e due assalti dell’iraniano Moharrami e del pungente Orsic, il catenaccio di Cacic, che aveva fruttato alla Dinamo l’1-0 col Chelsea, è andato in frantumi prima dell’intervallo per l’anticipo fuori tempo di Sutalo su Leao: il rigore lo ha segnato il centravanti superstite Giroud. A inizio ripresa Leao si è fatto definitivamente perdonare l’espulsione di Genova, anche se ora dovrà rispondere alle dichiarazioni prepartita di Maldini a Sportmediaset sul contratto: ha lasciato sul posto Ristovski e ha crossato per il 2-0 di testa dell’inedito goleador di coppa Saelemaekers (2 gol in 2 giornate). Il sussulto del celebrato Orsic ha portato al gol in duetto con Petkovic, ma il Milan ha subito dimostrato come l’1-1 di Salisburgo non andasse buttato. Il 3-1 è del mediano di riserva Pobega, sbocciato nel 2017 nella Primavera di Gattuso (a proposito, quella di Abate col 3-0 alla Dinamo è a sua volta partita bene nel girone di Youth League): entrato per Tonali, si è infilato in area su appoggio di Leao e assist di Hernandez e ha squassato traversa e rete. De Ketelaere, ieri posposto a Diaz come trequartista, ha giocato meno di mezz’ora da centravanti, adattandosi vistosamente.

La serata di Champions era stata preceduta dalle scorribande urbane degli ultrà croati (15 arresti, primo anello verde chiuso per ragioni di sicurezza) e dal suddetto Cda. Ha presenziato via chat, allergico alle conferenze stampa, il neoproprietario Gerry Cardinale, neoconsigliere tra i 4 in quota a Red Bird col braccio destro Alec Scheiner e con Isaac Halyard e Niraj Shah. La famiglia Singer, nonostante il passaggio di consegne, conserva la maggioranza, con 5 consiglieri riconducibili al fondo Elliott: il presidente Scaroni, Gazidis ad del Milan fino a novembre, Gordon Singer, Stefano Cocirio e il portfolio manager di Elliott Giorgio Furlani, favorito per succedere a Gazidis: a novembre potrebbe entrare in Red Bird, spostando gli equilibri societari.

Milan-Dinamo Zagabria 3-1: Giroud, Saelemaekers e Pobega portano i rossoneri in testa al gironeFonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments