Mancini: “Dopo gli sberloni siamo ripartiti, non mi aspettavo di vincere”

Al momento stai visualizzando Mancini: “Dopo gli sberloni siamo ripartiti, non mi aspettavo di vincere”

Mancini: "Dopo gli sberloni siamo ripartiti, non mi aspettavo di vincere"

MILANO – Roberto Mancini sorride, si pettina il ciuffo. E ammette che la vittoria di San Siro gli ha regalato più di un sorriso. “Quando si batte l’Inghilterra non sono mai piccole soddisfazioni”. Ma soddisfazioni piene, che  gli leggi in faccia.

Mancini, si aspettava questa prestazione?

“Mi aspettavo una buona prestazione, sapevo che sarebbe stata una partita difficile, abbiamo ragazzi che non avevano neanche il 30% delle presenze internazionali degli inglesi, che giocano in grandi squadre. Non mi aspettavo di vincere, la mia speranza era fare una grande partita. Siamo riusciti a batterli e anche con merito, nonostante la sofferenza finale”.

Questa partita è uno spartiacque per ripartire?

“Siamo ripartiti già da giugno nonostante qualche sberlone. Ma essere in ballo per arrivare alla fase finale di Nations League in un gruppo con Germania e Inghilterra è importante, nonostante tutti i giovani impiegati a giugno. Giocare queste partite è importante, è importante fare gol e anche riuscire a chiuderle quando hai la possibilità perché non sono partite con tante occasioni”.

Le è piaciuto lo spirito dei più giovani?

“Posso dire che lo spirito lo hanno avuto tutti, anche quelli in difesa che avevano più esperienza. Gnonto è entrato e ha fatto molto bene, anche Raspadori. Scamacca deve giocare più per la squadra ma questi ragazzi devono giocare per migliorare. È lo spirito che è migliorato”.

Come sta Immobile?

“Immobile ha avuto problemi l’ultimo giorno, ma credo non sia niente di grave, lui vuole recuperare, vediamo domani come sta”.

Quando avete deciso il cambio di modulo e perché?

“Il 3-5-2 ti dà più sicurezza difensiva, e va bene. Ma a volte ti fa diventare troppo lungo e hai bisogno di giocatori con gamba per andare. Siamo riusciti a tenere abbastanza la squadra corta, dobbiamo migliorare. Quello ci rendeva titubanti. Ma sugli esterni non avevamo Chiesa, Berardi, abbiamo deciso di provarci sapendo che forse avremmo avuto meno occasioni. Ne avevamo parlato ieri sera, ma la decisione l’abbiamo presa stamattina”.

Raspadori ha segnato un gol bellissimo. Cosa manca ancora al ragazzo?

“Raspadori ha qualità tecniche straordinarie. Ha pochissime partite internazionali nel curriculum. Se avesse 50 partite di Nazionale e Champions sarebbe un giocatore ancora migliore. Ma bisogna sapere aspettare. Ha segnato un gol straordinario, in tutto”.

Le dispiace per quelle volte in cui la squadra si è gettata via in passato?

“Noi non ci siamo gettati via. Abbiamo vinto all’Europeo la finale, non perché non meritassimo, ma l’abbiamo vinta ai rigori. E abbiamo perso il Mondiale sbagliando due rigori in due partite dominare, soprattutto con la Svizzera a Basilea. Io penso che in quel momento doveva andare così. Abbiamo avuto la mancanza di tanti giocatori. Questo è il calcio, stiamo pagando e soffrendo molto. La cosa importante è ripartire come abbiamo fatto. La perseveranza. In 4 anni riusciremo ad avere la squadra per andare al Mondiale in America e fare bene. La migliore gara? Per me è stata una buona gara anche quella che abbiamo perso 5-2 in Germania. Ma per la qualità dell’avversario è stata un’ottima gara”.

Sa già chi andrà a votare dei giocatori?

“L’affronteremo stasera in albergo, non ne abbiamo ancora parlato. Quelli che sono abbastanza vicini e vorranno andare a votare andranno”.

Quanto conta per questa squadra lavorare sulla testa?

“Lavorare sulla testa è fondamentale. Ci sono stati momenti difficili, ci saranno fino a dicembre. Credo lavorare sulla testa debba essere una cosa molto importante per noi”.

Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
8 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
castigamatti
Ospite
castigamatti
2 mesi fa

“Immobile oggi tornerà a Roma. E gli esami diranno se ci sarà per Ungheria-Italia”
ancora con questo paracarro in campo?

ma i giornalisti lazioti sono capaci di dire QUANDO É STATO DECISIVO per ‘italia?
o almeno QUANDO HA FATTO UN TIRO O UN PASSAGGIO DECENTE in nazionale?

castigamatti
Ospite
castigamatti
2 mesi fa

“Seduta mattutina per l’Italia. Immobile in bilico per Ungheria-Italia: solo domani la decisione”.
immobile in nazionale é sempre stato in bilico tra STAR FERMO e MUOVERSI POCO.

il suo contrbuto nelle partite degli azzuri é stato quasi nullo.

castigamatti
Ospite
castigamatti
2 mesi fa

“Il modello di Simeone: “Immobile. Vedo i movimenti di Ciro e ne resto incantato”
simeone deve avere dei potere soprannaturali:
vede anche quello che non esiste.

castigamatti
Ospite
castigamatti
2 mesi fa

Le pagelle di Barella: il mood interista lo perseguita anche in azzurro”
se gioca cosí male, perché non mandate in nazionale qualcuno dei giovani campionissime della giubentus?
cosí il nostro si riposa…

castigamatti
Ospite
castigamatti
2 mesi fa

Le pagelle di Mancini: rimette in piedi l’Italia. E forse trova la coppia d’attacco”.
e adesso che l’ha trovata… mi raccomando: che la disfi subito facendo giocare il paracarro piú IMMOBILE e raccomandato del calcio italiano…
perché uno della capitale deve giocare sempre, per scelta politica.

il Nerazzurro
Ospite
il Nerazzurro
2 mesi fa

Talmente indispensabile che il Borussia Dortmund l’ha tenuto 10 anni…

castigamatti
Ospite
castigamatti
2 mesi fa

“Inghilterra ko, Rice: “L’Italia ha avuto una chance e ha segnato… Non abbiamo fatto male”
finalmente qualcuno si é accorto che l’italia non ha avuto 14 occasioni da gol e l’inghilterra 0.

mancini ha ragione: non si aspettava di vincere.
tutti gli altri non si aspettavano di perdere contro la macedonia del nord..

castigamatti
Ospite
castigamatti
2 mesi fa

ma ERIKSEN ha giocato con la danimarca?
ma ERIKSEN ha pure segnato?
ma ERIKSEN non era considerato ormai in fin di vita dai politici e medici ipergarantisti italiani?
ma ad ERIKSEN i politici e medici ipergarantisti italini non AVEVANO VIETATO DI GIOCARE A CALCIO?
questi politici, legislatori e medici ipergarantisti, STANNO VEDENDO COME GIOCA; CORRE E SEGNA il loro malatino che loro davano giá con un piede nella fossa?
e chi rimborsa la societá INTER per un giocatore efficace e risolutivo che da questi politici, legislatori e medici ipergarantisti non ha piú avuto il permesso di giocare?
come riesce allora a FARE GOL IN DANIMARCA?
la danimarca é forse un paese del terzo mondo, dove la salute degli atleti non é minimamente protetta?
o forse sono i politici, i legislatori e i medici ipergarantisti italiani a voler metterci il naso anche dove non dovrbbero?