Mancini chiede scusa agli italiani: “Ci dispiace soprattutto per i ragazzi e per i bambini più piccoli”

Mancini chiede scusa agli italiani: "Ci dispiace soprattutto per i ragazzi e per i bambini più piccoli"

KONYA – “I ragazzi in questi quattro anni hanno dato tutto. Hanno fatto partite meravigliose. In queste ultime ci sono mancati i gol. Ci dispiace, questo sì. Ci scusiamo con gli italiani, perché la cosa più bella, lo scorso luglio, è stata vedere gli italiani festeggiare per le strade, soprattutto i ragazzi e i bambini più piccoli”. È l’anticipazione dell’intervista a Raisport e a Radiorai di Roberto Mancini, che prima dell’allenamento di rifinitura per Turchia-Italia al centro tecnico del Konyaspor è tornato sulla clamorosa eliminazione degli azzurri e ha chiesto scusa in particolare alle generazioni che non hanno mai visto l’Italia al Mondiale.

Analisi con lucidità

Il ct ha anche spiegato a Radiorai che occorrerà una riflessione sui settori giovanili e sullo spazio dato dall’intero movimento calcistico a un aspetto cruciale. Ritiene però che l’analisi vada fatta con lucidità: “Non siamo ancora così lucidi per pensare a che cosa si può fare per dare linfa al calcio italiano, ma avremo tempo per farlo. Quando le cose vanno male, si vanno a cercare le cose che magari non si sarebbero cercate, se ci fossimo qualificati, come il fatto che ci siano pochi giocatori italiani con esperienza internazionale”.

I rapporti con i club

Quanto ai rapporti con i club, Mancini non accende polemiche: “Io credo che la collaborazione l’abbiamo sempre avuta. Negli ultimi due anni si è giocato in continuazione, non era neanche così semplice. Certo la collaborazione tra tutte le componenti è fondamentale per la Nazionale”. Sulla partita con la Turchia il ct ribadisce che si tratta di una vetrina per i giovani. Zaniolo è tra questi: “Non diamogli troppe responsabilità. Ma sono convinto che potrà essere una bella partita, il campo è adatto per giocare bene”.

Le scelte, attacco con Scamacca e Raspadori

La formazione è fatta. Donnarumma sarà il portiere, De Sciglio, Acerbi, Chiellini e Biraghi la linea difensiva, Pessina, Cristante e Tonali il trio di centrocampo, Zaniolo, Scamacca e Raspadori il tridente d’attacco. Andrà in panchina Bonucci, che è tornato con Radiorai sulla disfatta con la Macedonia del Nord: “Le colpe sono soprattutto di noi giocatori, che abbiamo sbagliato partite con squadre più deboli. Ora dobbiamo ripartire da questa partita con la Turchia con l’entusiasmo dell”Europeo. Poi mi auguro che ci possa essere un cambio radicale del calcio italiano, quello che non cè stato nel 2017. Siamo indietro anni, rispetto ad altri Paesi: per leggi, regole, infrastrutture. Non valorizziamo le cose che dovremmo valorizzare, dando spazio ad altro”. Il veterano ha anche parlato della sua assenza per infortunio a Palermo: “La rabbia è tanta, per me era l”ultima occasione di giocare un Mondiale. Sono stati tre mesi difficili, alcune valutazioni sbagliate mi hanno portato a saltare partite importanti con la Juventus e con la Nazionale”.

Fonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
1 Commento
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
castigamatti
Ospite
castigamatti
1 mese fa

allora é per i piccoli e i ragazzi che hai fatto giocare di nuovo i due semicadaveri calcistici macellai della juve e della fiat protetta dalla politica?