Liga, il Barcellona non si ferma più: Pedri manda ko il Siviglia

Liga, il Barcellona non si ferma più: Pedri manda ko il Siviglia

Nella trentesima giornata di Liga, il Barcellona vince di misura il big match contro il Siviglia: decide Pedri. I catalani (con una gara in meno) agganciano così in classifica proprio la squadra di Lopetegui e l’Atletico Madrid, tutte al secondo posto e a meno -12 dalla capolista Real Madrid. Rafforza la quinta posizione con 53 punti il Betis Siviglia che travolge 4-1 l’Osasuna, decimo a quota 38. L’Athletic Bilbao, trascinato da Berenguer, si impone per 2-1 sull’Elche. Pareggiano 0-0 Valencia e Cadice, e 2-2 Granada e Rayo Vallecano.

<<La classifica della Liga>>

Pedri piega il Siviglia

Il Barcellona con un gol di Pedri al 72′ batte il Siviglia per 1-0 nel big match della trentesima giornata della Liga. Per i catalani si tratta della sesta vittoria consecutiva in campionato. Nello spareggio per la seconda piazza contro la squadra di Lopetegui, il Barcellona gioca meglio e dopo un primo tempo senza troppi sussulti, spinge nella ripresa sfiorando il gol con Araujo e Piquè prima di concretizzare gli sforzi grazie al solito Pedri, sempre più tra i simboli della rinascita blaugrana firmata dal tecnico Xavi. Dopo il gol, il Barcellona deve solo amministrare, mentre il Siviglia (che non vince da quattro partite) fatica a rendersi pericoloso e a organizzare una rimonta.

Poker del Betis, Berenguer lancia l’Athletic

Vittoria larga per il Betis che, in casa, non lascia scampo all’Osasuna: 4-1 il finale di gara. Primo tempo arrembante per i padroni di casa che con la doppietta di Juanmi (al 34′ e al 46′) vanno all’intervallo sul 2-0. Nella ripresa l’Osasuna accorcia le distanze con l’ex Sampdoria e Crotone Budimir al 65′. La reazione del Betis è immediata e nella parte finale del march Carvalho e Moreno segnano le reti del definitivo 4-1, rispettivamente al minuto 82 e all’88’. Ci pensa l’ex Torino Berenguer a trascinare al successo l’Athletic Bilbao sull’Elche (2-1). Al San Mames dominano i padroni di casa, che sfiorano il vantaggio con Inaki Williams già al 24′. Berenguer realizza al 26′, ma l’arbitro annulla per fuorigioco. L’ex granata concede il bis 6′ dopo e stavolta il gol viene convalidato dopo una lunga revisione del Var. I baschi raddoppiano nel secondo tempo, ma solo all’86’ con Villalibre. Josan al 92′ accorcia per l’Elche, ma ormai è troppo tardi per i biancoverdi che, a quota 32, mantengono sei lunghezze di margine sulla zona retrocessione. Con questo successo invece la formazione di Marcelino si porta a 44 punti in classifica

Pari Valencia-Cadice e Granada-Rayo

In attesa del posticipo di lunedì tra Real Sociedad ed Espanyol, chiudono la domenica due pareggi. Il primo è quello per 0-0 tra Valencia e Cadice, con gli ospiti che hanno anche chiuso in dieci contro undici per l’espulsione di Josè Mari. Il Cadice è diciassettesimo con 28 punti, mentre gli uomini di Bordalas raggiungono quota 41. Il secondo pari è quello per 2-2 tra Granada e Rayo Vallecano. La formazione di Andoni Iraola realizza al 6′ con Catena e raddoppia al 17′ con Sergi Guardiola. Al 51′ però Santiago Comesaña viene espulso e l’inferiorità numerica permette ai padroni di casa di accorciare le distanze con Jorge Molina al 67′. Arriva al 94′ su calcio di rigore il pareggio finale di Luis Milla. Il Rayo è tredicesimo a quota 33, mentre il Granada resta sedicesimo a 29 punti.

Fonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments