Le pagelle di Udinese-Juventus: Deulofeu cambia la partita, Szczesny da 3

Udinese

Silvestri 5.5: sul gol di Cuadrado copre malissimo la porta. Una sola parata, in volo plastico su Dybala, nella ripresa.
Becao 6.5: il più efficace dei tre difensori, anche perché è pronto a sostenere la manovra, avviandola con una certa proprietà di palleggio. Sbaglia solo quando Ronaldo segna, ma il var emenda l’errore.
Nuytinck 4.5: disastroso nel faccia a faccia con Cuadrado che segna lo 0-2, ancora peggio quando Morata prende il palo d testa nella ripresa.
Samir 6: i due gol juventini nascono dalla sua parte, per quanto lui non ne sia direttamente responsabile. Ma certo avrebbe dovuto fare di più. Dal 48′ st Zeegelaar sv.
Molina 6: il più atteso dei suoi, perché è al suo talento che Gotti affida le sorti della stagione. Parte piano, lo cercano poco, cresce col tempo.
Arslan 6.5: in ritardo su Dybala sull’1-0, ma è lì per chiudere il buco di un compagno. Sa essere lucido e combattivo ed è la sua iniziativa a riaprire la partita. Dal 35′ st Jajalo 6.5: aggiunge energia e sfiora addirittura il 3-2.
Walace 6.5: regge anche nei momenti peggiori dell’Udinese, che nella ripresa si rinsalda attorno alla sua solidità.
Makengo 5: ha mezzi fisici, e in parte anche tecnici, notevolissimi, ma non sa leggere le situazioni di gioco e finisce sempre tagliato fuori dalle trame juventine. Lo spazio che apre a Bentancur sul primo gol è significaivo.
Dal 12′ st Deulofeu 7.5: cambia la partita. Peccato per Gotti che non avesse più di mezzora di autonomia.
Udogie 5: è il gioiellino in rampa di lancio. Qui si perde in un bicchier d’acqua. Dal 12′ st Stryger Larsen 6.5: la sua esperienza risulta fondamentale.
Pereyra 7: fatica a scalfire al difesa della Juve, ma non molla mai e nella ripresa, da mezzala, incide davvero.
Pussetto 5.5: abbandonato a se stesso, corre molto e la vede poco. Dal 35′ st Okaka 6.5: decisivo col pressing che manda in tilt Szczesny.
Allenatore Gotti 6.5: cambia la partita con la panchina dopo un primo tempo orribile.

Juventus

Szczesny 3: sul rigore sbaglia due volte, prima perché non trattiene il tiro non irresistibile di Arslan e poi perché lo stende sbagliando il tempo dell’anticipo. Difettosa anche un’altra presa. Ma il pasticcio grosso lo combina regalando con un’improvvisata costruzione dal basso il pareggio all’Udinese.
Danilo 5.5: un po’ terzino destro, un po’ terzo centrale e,  nell’ultima mezzora, centromediano, Fa tutto benino ma non benissimo. E il centrocampista, maluccio. Un fuorigioco millimetrico gli emenda un ingenuo fallo da rigore.
De Ligt 6: qualche incertezza nell’uno contro uno, non nel presidio dell’area.
Bonucci 5.5: è un suo retropassaggio azzardato a mettere in moto l’azione del 2-2.
Alex Sandro 6: ha uno dei clienti più pericolosi, Molina, e riesce a neutralizzarlo.
Cuadrado 7: segna un gol da campione e nel primo tempo sposta gli equilibri giocando benissimo in attacco e in difesa. Nella ripresa è vuoto. Dal 29′ st Chiesa 5.5: non aiuta in copertura.
Bentancur 6: un palo e un assist, ma a un certo punto sparisce dal campo. Dal 45′ st Locatelli sv.
Ramsey 6: dà retta ad Allegri, vale a dire che corre meno e cerca di farlo meglio, difatti non si sgancia quasi mai dalla posizione davanti alla difesa e lascia che il gioco segua altre traiettorie. Dal 15′ st Chiellini 5: entra che la squadra si sta squagliando: invece di arrestare il disfacimento, ne rimane coinvolto.
Bernardeschi 6: è animato da uno spirito nuovo e gioca per dimostrare qualcosa. Questo lo porta talvolta a strafare e uscire dalla posizione che gli ha assegnato l’allenatore. Dal 15′ st Kulusevski 5: entra come se fosse già stanco.
Dybala 7.5: per un’ora disegna calcio d’artista, spennellando a tutto campo. Ma poi sparisce completamente dal gioco.
Morata 6.5: esegue alla lettera i compiti che Allegri gli assegna: si muove spalle alle porta, si propone come sponda, si offre alla scambio e quando è necessario parte in velocità. Pericoloso solo nella ripresa, quando colpisce una traversa di testa, ma la sua prestazione è interamente votata al collettivo: per questo è decisamente buona. Dal 15′ st Ronaldo 6: entra in partita con lo spirito giusto.
Allenatore Allegri 6: il primo tempo è un capolavoro studiato a tavolino. Ma i cambi lo  cancellano.

Arbitro Pizzuto 6: la sua prima volta in una partita importante la gestisce benissimo, anche se si perde un rigore (Danilo su Deulefeu) visto dal var ma annullato per fuorigioco.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime