Le pagelle di Torino-Milan: Vlasic da leader, Leao inesistente

Al momento stai visualizzando Le pagelle di Torino-Milan: Vlasic da leader, Leao inesistente
Le pagelle di Torino-Milan: Vlasic da leader, Leao inesistente

Torino
6 Milinkovic-Savic
Non una sola parata, ma lanci lunghissimi che inquietano il Milan. Sul gol esce per tempo: è la caduta di Buongiorno a tradirlo.
7 Djidji Dopo 10’, prende le misure a Leao e lo cancella. Idem con Rebic. In più, segna.
6.5 Schurrs Zompa addosso a Origi sovrastandolo senza pietà. Perde però troppi palloni in uscita. Dal 31’ st Zima sv.
6 Buongiorno Limita Messias fino al gol milanista, che però lo vede più vittima che colpevole. Dal 28’ st Rodriguez sv.
6.5 Singo Tallona Hernandez in ogni dove.
7 Lukic Cresce alla distanza dopo un primo tempo ordinario.
6.5 Ricci Sempre in pressione, prosciuga il gioco del Milan alla fonte. Dal 39’ st Adopo sv.
7 Lazaro Fa sempre la cosa giusta. Anche l’assist dell’1-0.
7 Miranchuk Il gol e altre giocate di qualità raffinata. Dal 39’ st Linetty.
7 Vlasic Dribbla, rincorre, inventa. Un leader.
6.5 Pellegri Pressa, scatta, tira. Se la salute non lo abbandona di nuovo, l’Italia ha ritrovato un centravanti.
7 Allenatore Juric La squadra gli somiglia, il popolo si identifica.

Milan
5.5 Tatarusanu
Non abbastanza reattivo sul diagonale di Miranchuk.
5 Kalulu Condizionato da una botta, è protagonista imperfetto dei due gol granata. Dal 1’ st Dest 6: migliora almeno la spinta.
5 Gabbia È a vario titolo coinvolto nei due gol del Toro.
6 Tomori In difesa è l’unico a non toppare.
5 Hernandez Il suo spaziare dappertutto alimenta solo confusione.
5 Tonali Vlasic non lo lascia ragionare. Gli scappa Miranchuk sul 2-0, avvia l’azione del 2-1. Dal 25’ st Bennacer sv.
5.5 Pobega Forse lo emoziona il ritorno in uno stadio che lo ha amato molto: si agita nella lotta ma senza lucidità.
6 Messias Riscatta con il gol una partita anonima. Dal 33’ st Giroud sv.
5 Diaz Libera subito Leao davanti alla porta, ma poi si perde nelle nebbie. Dal 1’ st De Ketelaere 5: le solite cosine senza midollo.
4.5 Leao Si mangia due gol e mezzo, e il secondo in maniera davvero invereconda. Dal 1’ st Rebic 5: non entra nei giochi, mai.
5 Origi Non ha il passo né la vocazione del centravanti. Si consegna docilmente a Schurrs.
5 Allenatore Pioli Non sa ricaricare il Milan di Zagabria. I ritmi di Juric lo stroncano.

5 Arbitro Abisso C’è fallo di Messias sul gol milanista. Ammonisce troppo.

Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments