Lazio, Sarri riapre a Immobile “Sta migliorando, può farcela. Juve inallenabile? Mai detto”

Sembrava scontata la risposta, invece Sarri – alla domanda sulle condizioni di Immobile – ha spiazzato tutti: “L’edema è guarito ma ci sono dei segni che ci dicono che c’è ancora un po’ di rischio. Domani farà ulteriori controlli. Può farcela contro la Juventus? Dipende dalle risposte degli esami, dalle sensazioni di Ciro e dalle decisioni dello staff medico”. Insomma, qualche piccola speranza di vederlo almeno in panchina nel big match di domani ancora c’è.

Tempi stretti, pronto Pedro ‘falso nueve’

Se la partita ci fosse stata domenica sera, la sensazione è che Immobile avrebbe recuperato. I tempi invece – si gioca domani alle 18 all’Olimpico – sono molto stretti. Dal 1′, al suo posto, Sarri dovrebbe scegliere Pedro in versione ‘falso nueve’: “Stiamo provando le soluzioni, ha le caratteristiche per farlo. A volte l’ha fatto al Chelsea, mi pare pure al Barcellona. Ci può far giocare in un modo diverso”. Bocciato dunque Muriqi, lo spagnolo completerà l’attacco con Zaccagni e Felipe Anderson. A centrocampo spazio per Luis Alberto e Milinkovic, i due punti di forza della Lazio: “Su di loro stiamo cercando di costruire la squadra. Vogliamo farli rendere al meglio. Non è un caso che stiamo giocando bene da quando Luis Alberto è tornato ai suoi livelli”. 

“Juve inallenabile? Non ci sono prove che lo abbia detto”

Non sarà una gara normale per Sarri, ex mai amato alla Juventus nonostante un campionato vinto: “Se mi aspettavo più riconoscenza? Io sono contento di aver vinto lo scudetto: per chi come me è venuto dalle categorie inferiori è la chiusura di un cerchio dopo vent’anni di sacrifici. Non importa se non sia stato festeggiato abbastanza. Vincevano lo scudetto da 8 anni, era normale che lo dessero per scontato anche con me. Il problema è che non lo è stato: fu un campionato molto difficile, complice anche il lockdown”. Sulla sua presunta frase che Ronaldo non fosse allenabile, il tecnico toscano è stato chiaro: “Sono espressioni che mi attribuiscono i giornalisti, non c’è alcuna prova che io lo abbia detto”. Domani si ritroverà davanti Allegri, toscano come lui ma suo rivale, in passato, sull’asse Napoli-Torino: “Non esistono partite tra allenatori, quelle le inventa la stampa. Domani giocheranno Lazio contro Juventus, che ha una rosa tra le più forti in Italia”. L’ambizione dei biancocelesti è solo una: “Dobbiamo risolvere i nostri problemi prima di pensare agli obiettivi materiali come il 4° posto. Tre partite fatte bene significano poco. Avere continuità è una cosa diversa: essere tosti per 15 giorni riesce a tutti, farlo per 3 mesi no. La partita dopo la sosta è sempre complicata per tutti, per noi lo è ancora di più perché ancora non abbiamo una mentalità consolidata”.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime