La Serie A si spacca. De Laurentiis si lamenta, i grandi club lasciano l’assemblea

Al momento stai visualizzando La Serie A si spacca. De Laurentiis si lamenta, i grandi club lasciano l’assemblea
La Serie A si spacca. De Laurentiis si lamenta, i grandi club lasciano l'assemblea

Tanto per cambiare, l’assemblea della Lega di Serie A si è spaccata in due. Questa volta il casus belli l’ha offerto il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, che prima dell’inizio dell’assemblea fissata per le 14:15 ha tuonato contro la gestione dell’associazione, lamentandosi fra l’altro per il ruolo del presidente laziale Claudio Lotito. Anche la Fiorentina si è accodata alle proteste e questo ha comportato tre quarti d’ora di ritardo nell’inizio dei lavori. A quel punto, stanchi di aspettare e convinti che non ci fosse più un clima sereno, i presidenti e i rappresentanti di Inter, Juve, Milan, Monza e Roma hanno lasciato la sede di via Rossellini. Lo stesso hanno fatto le delegazioni di Napoli e Fiorentina.

L’assemblea della Lega di Serie è cominciata alle 15:30, con oltre un’ora di ritardo, alla presenza di soli dodici club. Oltre a chi lasciato via Rossellini, non ha partecipato il Torino, che non si era proprio presentato. All’ordine del giorno c’era, per la terza volta dopo due tentativi a vuoto, la nomina di un consigliere, dopo che lo scorso maggio è decaduto dalla carica il presidente del Cagliari Tommaso Giulini, a causa della retrocessione della sua squadra. Altri temi da trattare erano gli adempimenti fiscali, con tutti i club (eccetto la Fiorentina) che chiedono una proroga per pagare 500 milioni di Irpef sospesi negli scorsi anni a causa Covid. La scadenza è fissata per il 22 dicembre. Il mancato rispetto dei termini potrebbe comportare il blocco del mercato a gennaio.

Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments