Juventus, Rabiot: “Giocato 11 contro 12”. Allegri: “Basta dire che puntiamo allo scudetto”

Alla fine è Adrien Rabiot a dare voce alla rabbia bianconera per le decisioni di Irrati: per il rigore ripetuto e per il fallo di Bastoni su Zakaria giudicato fuori area: “Difficile vincere quando si gioca 11 contro 12. E’ importante dirlo quando l’arbitro sbaglia e questa sera ha sbagliato troppo secondo me. Stasera ha deciso la partita. Ol fallo su Zakaria è un episodio importante che cambia la partita” dice ai microfoni di Mediaset e Dazn. Il centrocampista francese – uno dei migliori in campo tra l’altro – esalta la buona prestazione della squadra concentrandosi sugli episodi che hanno penalizzato i bianconeri

Non lo segue il suo tecnico: “Finalmente non si dirà più che lottiamo per lo scudetto” dice sarcastico Massimiliano Allegri dopo la sconfitta con l’Inter. Sui tanti episodi arbitrali che hanno inciso sul risultato il tecnico bianconero preferisce glissare: “Evitiamo di dire delle cose che in questo momento non servono. Preferisco sottolineare la nostra prestazione che è stata straordinaria. Abbiamo verticalizzato più del solito, abbiamo fatto buoni inserimenti e tirato molto in porta. Purtroppo non siamo riusciti a far gol. Dispiace per la sconfitta. La scelta del modulo? L’avevo deciso da inizio settimana. Avevo solo il dubbio Rabiot che veniva da tante partite ma ha fatto una gara straordinaria. C’è da fargli i complimenti come ai compagni dopo le tante critiche. Con un mancino e Locatelli lasciavano spazio per Paulo (Dybala, ndr) sulla fascia. Poi è entrato Zakaria e ha fatto bene: è un giocatore che ha un’occasione per far gol a ogni partita”.

“Lo scudetto lo vincerà l’Inter, pensiamo a chiudere quarti”

Allegri non vuole parlare di rimpianti per i tre punti persi: “Cosa sarebbe cambiato se avessimo vinto? Con i se e con i va non si va da nessuna parte. Pensiamo a finire bene: abbiamo 7 partite in cui dobbiamo fare più punti possibili per mantenere il 4° posto perché ora la Roma è a soli 5 punti. A lottare per lo scudetto penseremo il prossimo anno. Chi è favorita ora? Per me l’Inter, basta vedere il calendario: è più facile rispetto a quello di Milan e Napoli”.

“Il prossimo anno non potremo che fare meglio”

Allegri alza l’asticella e pensa già alla prossima stagione in maniera positiva. E spiega perché: “L’anno prossimo alcuni ragazzi si conosceranno meglio. Già stasera mi è piaciuta di più la squadra, Rabiot, Zakaria stesso, nel cercare le verticalizzazioni. Vlahovic ha toccato molti palloni, ci sono state molte azioni in velocità vicino all’area, una buona tecnica. Credo ci siano tutti i presupposti per far sì che l’anno prossimo partiremo per vincere il campionato. In questo mese e mezzo che manca alla fine della stagione dobbiamo lavorare per crescere come squadra e dal punto di vista tecnico. Con la società poi ci vedremo a fine stagione per fare un punto”.

“Locatelli ha un piccolo stiramento al collaterale”

Allegri non parla dell’arbitraggio ma una piccola allusione se la lascia sfuggire quando analizza la stagione: “Quest’anno siamo partiti male, abbiamo perso tanti punti all’inizio e nei match importanti siamo stati condannati dagli episodi. Sabato sera, ad esempio, mi sono rivisto la sfida di Champions con il Villarreal. Perché? Per vedere se tutti i fischi arbitrali erano stati dati nel verso giusto. Invece come al solito non li indovinano neanche per sbaglio. Tecnicamente bisogna comprendere le cose di calcio… Avevamo fatto una bella partita come stasera ma abbiamo perso e bisogna stare zitti”. In chiusura una battuta sulle condizioni di Locatelli: “A parte la testa rotta (ride, ndr) ha un piccolo stiramento al collaterale, lo valuteremo nei prossimi giorni”, conclude.

Juventus, Rabiot: "Giocato 11 contro 12". Allegri: "Basta dire che puntiamo allo scudetto"Fonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
castigamatti
Ospite
castigamatti
1 mese fa

questo francesino imbellettatzo col codino é meglio che vada a piagnucolare dalla sua mammina. il rigore poteva anche non essere ripetuto, perché il gol (o forse l’autogol) era regolarissimo, come pure il fallo da rigore su dumfires. una volta ogni 100 anni un arbitro ha il coraggio di far rispettare il regolamento invece di aiutare la rubentus con i soliti trucchetti… forse é vero che agli sciacalli di vinovo il capo ha tolto i soldi e non possono piú pagare gli arbitri come hanno sempre fatto.

castigamatti
Ospite
castigamatti
1 mese fa

allegri sperava di fare la solitia partitina: un gol regalato e poi tutti in pulmann a difendere, ma quando almeno una volta in 100 anni, l’arbitro ha deciso di non regalare il solito aiutino alla gobba, ha sbattuto per terra il suo corto muso.