Juventus, Rabiot e il Qatar come una svolta: il rinnovo si fa difficile

Al momento stai visualizzando Juventus, Rabiot e il Qatar come una svolta: il rinnovo si fa difficile

Il Mondiale nel pieno della stagione rischia di rovinare i piani per il futuro dei club, compresi quelli della Juventus. Le ripercussioni dal punto di vista fisico e tecnico della prima edizione invernale della Coppa del Mondo erano già state prese in considerazione nella programmazione della stagione. Presentarsi all’appuntamento con la storia del calcio senza aver risolto le questioni contrattuali potrebbe essere un problema per i calciatori ma anche per i club. L’esempio più lampante in bianconero è quello di Rabiot, in scadenza a giugno: le ultime partite hanno mostrato il peso del francese nel centrocampo della Juventus, una conferma in Qatar complicherebbe i piani per il futuro. “Il Mondiale lo vivo come un’occasione per potermi esprimere, ho la chance di essere titolare in una competizione simile – ha dichiarato il centrocampista francese -. Non so se sia la svolta, ma sono all’ultimo anno di contratto con la Juventus e può aiutarmi per il futuro”.

Un rinnovo che potrebbe complicarsi ulteriormente

Le parole di Rabiot dal ritiro francese hanno fatto scattare il campanello d’allarme alla Continassa. Anche se quest’estate il passaggio al Manchester United sembrava ormai cosa fatta, saltato solo per il mancato accordo tra calciatore e club inglese, l’ex Psg è letteralmente esploso con Allegri diventando indispensabile. Si è arrivati alla pausa con l’inizio dei colloqui tra Cherubini e mamma Veronique per il rinnovo, a cifre diverse rispetto ai 7 milioni attuali. Adrien è a suo agio con Allegri, che l’ha valorizzato dandogli continuità: oggi però è necessario fare delle considerazioni a medio termine per non farsi trovare impreparati quando arriverà la resa dei conti. Perché oltre all’opzione rinnovo c’è anche quella della cessione a gennaio, mossa che impoverirebbe la mediana bianconera ma arricchirebbe le casse societarie rispetto alla naturale conclusione dell’accordo e lo svincolo del calciatore. Il Chelsea di Potter ha già bussato alla porta dei bianconeri mentre il Manchester United è tornato alla carica dopo l’assalto di quest’estate: per i club di Premier il denaro non è un problema, in estate ma anche a gennaio.

Il rinnovamento bianconero e i trasfrimenti in entrata e in uscita

L’esplosione definitiva di Fagioli e Miretti, il ritorno di Pogba, il contratto in scadenza di Rabiot, le offerte per McKennie. Ingredienti di un gennaio pieno di dilemmi per Allegri e la Juventus, tra arrivi, partenze e il sogno chiamato Milinkovic Savic per cui Lotito chiude la porta ma che la potrebbe riaprire se l’offerta fosse quella giusta. Se i riflettori mondiali si dovessero accendere su Rabiot, l’opzione cessione sarebbe concreta. Eppure lasciar andare via Rabiot e inserire Pogba sarebbe un’incognita enorme: il Polpo è reduce da otto mesi di inattività mentre il compagno di squadra e di nazionale è diventato un punto fermo per Allegri. Certezze costruite con il lavoro e buttando giù sconfitte amare e prestazioni pessime: vanificare tutto sarebbe un rischio troppo grande per lo staff tecnico e per il club, ora che la striscia di sei vittorie ha ridato vigore all’ambizione dei bianconeri. A gennaio potrebbe esserci un riassestamento anche in difesa, visto che Cuadrado ha dimostrato di non riuscire più a reggere il ritmo di una partita ogni tre giorni mentre De Sciglio ha confermato la sua fragilità saltando gran parte della stagione. Lo spostamento di Danilo nel ruolo di centrale ha impoverito ulteriormente la fascia destra cambiando anche le gerarchie tra i difensori: Bonucci ha difficoltà a ritornare agli standard fisici di un tempo mentre Gatti e Rugani non sono riusciti a trovare continuità, chiusi dai compagni. Con la difesa da riassestare, sulla fascia destra e nei cambi al centro, e la mediana da ridisegnare, le incognite sono troppe per una squadra che ha appena trovato le prime certezze. 

Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments