Juventus contro Cristiano Ronaldo: Europa League a rischio amarcord

Al momento stai visualizzando Juventus contro Cristiano Ronaldo: Europa League a rischio amarcord

Cristiano Ronaldo contro la Juventus in Europa League. Lunedì, giorno dei sorteggi dei playoff, l’urna di Nyon potrebbe regalare una sfida ricca di fascino e di ricordi: CR7 contro il suo  passato, la Juventus contro il Manchester United del campione che avrebbe dovuto farle compiere il salto di qualità europeo. Strano ritrovare entrambi, habitué della Champions, nella seconda competizione europea: la Vecchia Signora non “retrocedeva” in Europa League dalla stagione 2013/2014, quando il Galatasaray di Mancini eliminò la squadra di Conte dalla Champions costringendola a giocare la seconda competizione europea, avventura conclusa in semifinale contro il Benfica. Ancora più strano vedere il campione portoghese in Europa League, competizione in cui ha fatto il suo esordio in questa stagione, dopo aver cercato in tutti i modi di lasciare il Manchester United per approdare in una squadra che giocasse la Champions League.

Dall’urna di Nyon potrebbe uscire un accoppiamento da Champions

Da quando CR7 ha improvvisamente lasciato la Juventus poche ore prima della chiusura del mercato raggiungendo Manchester, i risultati sono stati deludenti per entrambi. L’attaccante portoghese è tornato ai Red Devils, che lo lanciarono nel grande calcio dopo averlo prelevato dallo Sporting Lisbona, senza mai tornare sui suoi standard. Alla fine della passata stagione il Manchester United si è qualificato per l’Europa League, facendo nascere le prime frizioni con il portoghese, miglior marcatore di tutti i tempi in Champions. Incatenato dal contratto faraonico e dalla mancanza di alternative, CR7 ha giocato controvoglia in una squadra ancora alla ricerca di se stessa dopo l’arrivo di Ten Hag: il secondo posto nel girone dietro alla Real Sociedad costringerà gli inglesi allo spareggio contro le terze dei gironi Champions, lista di cui fa parte la Juventus. Bianconeri che hanno chiuso il proprio girone alle spalle di Benfica e Psg , retrocedendo in Europa League: prima però ci saranno i playoff, che potrebbero metterli di fronte proprio allo United, regalando una sfida dal sapore di Champions League ma con un retrogusto amaro. Nel 2018, quando Cristiano sbarcò a Torino firmando un quadriennale, le aspettative erano completamente diverse. Per lui, per la Juventus e indirettamente anche per il Manchester United.

Non solo i Red Devils tra i pericoli dei playoff

Quello con gli inglesi è l’accoppiamento più difficile per i bianconeri, e viceversa. Tuttavia nell’urna non mancano altre insidie ma anche avversarie abbordabili: l’esito del sorteggio sarà molto importante per la programmazione della stagione, per far coesistere gli impegni europei con la scalata in campionato. La Juventus non sarà testa di serie, come tutte le retrocesse dalla Champions, condizione che la porterà a giocare il ritorno in trasferta. Le gare d’andata sono in programma per il 16 febbraio, mentre il ritorno sarà il 23 febbraio. Nell’elenco delle possibili avversarie spiccano, oltre al Manchester United, anche le francesi Rennes, in cui gioca l’ex Bologna Theate, Nantes e il Monaco di Clement, altra avversaria decisamente complicata. Da non sottovalutare gli olandesi del Psv Eindhoven di Ruud Van Nistelrooy, seconda forza della Eredivisie superata in Europa League solo dall’Arsenal, oltre alla sorpresa Union Berlino, capolista in Germania davanti al Bayern Monaco. Chiude l’elenco delle possibili avversarie il Midtjylland, formazione danese che ha terminato al secondo posto il suo cammino nella fase a gironi spedendo in Conference League la Lazio.

Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments