Juventus, Allegri: “Ho avuto la risposta che volevo”

TORINO – “Ho avuto la risposta che volevo”. Massimiliano Allegri è contento della reazione della Juve dopo le brutte sconfitte con Sassuolo e Verona. Contro lo Zenit è arrivata la quarta vittoria consecutiva in Champions e la qualificazione anticipata agli ottavi: “E’ stata una bella prestazione sul piano tecnico. Era importante reagire e raggiungere il primo obiettivo della stagione. Siamo stati bravi fin dall’inizio: Giocando loro con tre difensori siamo andati a prenderli più alti possibili, con coraggio”. Il tecnico bianconero si congratula in particolare con i centrocampisti (“Hanno fatto tutti molto bene”) e spiega le sue scelte: “Ho messo Chiesa a destra perché dietro aveva Danilo che spinge meno. Sono contento di Bernardeschi che ha dato qualità e quantità. I cambi tardivi? La squadra stava facendo bene, correvano tutti e quindi non ho ritenuto farli prima…”.

“Gli ultimi 5′ sono l’emblema di questa stagione”

Allegri ha comunque un appunto da fare ai suoi: “Il secondo gol subito era nell’aria. Abbiamo sbagliato 4 contropiede e ci siamo sfilacciati. Gli ultimi 5′ sono l’emblema di questa stagione. E’ il passaggio più importante che va fatto. Dobbiamo saper gestire la palla in determinate situazioni. Dobbiamo crescere così come maturare e imparare a rialzarci dopo gli episodi negativi. A Verona abbiamo pagato emotivamente l’inizio perché venivamo da una bruttissima sconfitta. Dobbiamo reagire alle avversità in maniera diversa”.

Dybala: “Volevo omaggiare Platini”

Paulo Dybala con la doppietta allo Zenit è arrivato a quota 106 gol in bianconero. Dopo la prima, con cui aveva staccato Michel Platini, fermatosi a quota 104, ha esultato imitando il famoso gesto del francese dopo essersi visto annullare il gol all’Argentinos Juniors nella finale di Coppa Intercontinentale del 1985: “L’esultanza è stata un omaggio. Per me è un idolo come lo è per il calcio e per la Juve: volevo già farlo contro l’Inter, ma non mi sembrava il caso”, dice l’attaccante argentino che sulla prestazione, aggiunge: “E’ una vittoria che ci serviva. Dopo il primo tempo avevamo parlato di giocare con calma la ripresa. Sapevamo che giocando così gli spazi li avremmo trovati. Abbiamo disputato un secondo tempo più ragionato”.

“Raggiungere Del Piero? Sarà molto difficile”

Per arrivare invece ai 44 gol di Alex Del Piero in Champions “devo prendere il motorino – scherza Dybala -. Spero di poterlo raggiungere ma non è una cosa facile”. E sul rigore ripetuto due volte spiega: “Il secondo lo volevo tirare come il primo ma il primo è stato un disastro”. Infine, ancora sulla prestazione offensiva della Juventus e i gol presi, il numero 10 bianconero chiosa: “Quando rischi qualcosa è normale poter prendere gol. Però hai anche più possibilità di segnare: hai più uomini vicino alla porta e concludi di più. Potevamo fare qualche gol in più però 4 vanno bene…”.

Locatelli: “Una reazione da uomini”

Manuel Locatelli è contento della reazione della squadra dopo le ultime due sconfitte: “In queste partite ci vogliono uomini forti più che calciatori forti. C’è stata la reazione degli uomini e ora dobbiamo continuare così. Abbiamo giocato veramente bene, dobbiamo continuare su questa linea e prendere fiducia. Dobbiamo seguire quello che ci dice il mister e continuare a dare tutto come abbiamo fatto con lo Zenit”. La Juve ora è attesa a una reazione anche in campionato: “In campionato dobbiamo dare qualcosa di più. E’ inaccettabile che la Juve sia in questa posizione di classifica. Dobbiamo dare tutto per questa maglia e per questi tifosi che se lo meritano”, conclude.

Fonte Repubblica.it

Condividi
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Available for Amazon Prime