Juventus, Allegri: “Bravo Fagioli, serviva un pizzico di follia per rialzarci”

Al momento stai visualizzando Juventus, Allegri: “Bravo Fagioli, serviva un pizzico di follia per rialzarci”
Juventus, Allegri: "Bravo Fagioli, serviva un pizzico di follia per rialzarci"

“Abbiamo disputato una buona partita, a parte il finale dove siamo stati anche fortunati”. Massimiliano Allegri non nasconde di aver temuto di non portare a casa i 3 punti dalla trasferta di Lecce. Ma si gode la vittoria che rilancia la Juve in ottica Champions: “Era importante vincere soprattutto perché venivamo dalla brutta batosta con il Benfica. È una bella vittoria in un momento non semplice per noi”, sottolinea. “Abbiamo fatto bene tecnicamente ma potevamo sfruttare meglio le occasioni create nel primo tempo”.

“Fagioli è entrato per dare qualità e l’ha fatto”

La Juve ringrazia Nicolò Fagioli, autore del gol decisivo con un destro a giro capolavoro, alla Del Piero. “È un ragazzo che ha grande qualità, ha fatto un percorso dove è stato imbastardito nel ruolo, perché lui secondo me deve giocare davanti alla difesa, ma deve imparare a stare in quella posizione perché a volte va in giro per il campo – dice il tecnico livornese-. Ha fatto un grande gol, ma direi che tutti i ragazzi hanno fatto bene. Penso a Miretti, Soulé… Fagioli doveva entrare a partita in corso per darci qualità”.

“Per rialzarsi serve anche un pizzico di sana follia”

Allegri confida che la vittoria possa far riprendere alla Juve il cammino interrotto bruscamente a Lisbona. “Nel calcio comunque, in generale, si cade ma l’importante è come ci si rialza, perché quando le cose vanno bene sono tutti bravi. Ci vuole una sana follia in questi momenti, perché se siamo troppo razionali non si va da nessuna parte: siamo stati bravi a reagire dopo il ko rimediato in Champions. Era da marzo scorso che non vincevamo tre partite di fila, per questo la partita di Lecce non era per niente facile”.

Fagioli: “Aspettavo questo gol da una vita”

Nicolò Fagioli si gode una notte magica: “Ho fatto un gol bellissimo. La traiettoria sembrava lentissima, il tiro non arrivava mai. Quando la palla è entrata sono esploso di gioia. I miei compagni mi hanno sostenuto da tempo ed era giusto correre da loro dopo il gol per ringraziarli. Sin da piccolo guardavo Del Piero come idolo e fare un gol come lui per me è il massimo. Lo aspettavo da una vita e farlo con questa maglia è stato come vedere avverarsi un sogno. Da 21 anni tifo Juve, un’emozione unica”. Sulla sua collocazione in campo aggiunge: “Penso che giocare davanti alla difesa sia il ruolo per me perfetto, l’anno scorso sono cresciuto molto in questo ruolo. Ho dato e darò sempre il massimo per questa squadra. Tornare a casa con una vittoria è fondamentale”.

Fonte Repubblica.it

0 0 votes
Valutazione dell'articolo
Tienimi aggiornato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments