Juve-Inter, perché il gol del pareggio è di Alex Sandro e non di Morata

Juve-Inter, perché il gol del pareggio è di Alex Sandro e non di Morata

Dopo il gol dell’Inter firmato da Barella, dopo soli sette minuti, è arrivato il del pareggio della Juventus con Alex Sandro. Il gol, messo a segno all’inizio del secondo tempo della finale di Coppa Italia, è del brasiliano. Così dice la Lega Calcio. Ma il suo compagno di squadra, Alvaro Morata, ha rischiato di “rubarglielo”. Sul tiro di sinistro del terzino, diretto nello specchio della porta ed entrato in rete con la complicità di Handanovic, l’attaccante spagnolo ha cercato di deviarlo volontariamente con un colpo di tacco. Un tentativo (riuscito? Le immagini non chiariscono bene) che non avrebbe cambiato la sostanza (il gol), ma il nome del marcatore sì.

Quando un giocatore calcia e il pallone è indirizzato verso lo specchio della porta, qualsiasi deviazione fortuita non cambia il nome del marcatore. Né che si tratti di un difensore avversario (niente autogol, quindi), né se a toccare il pallone è un compagno di squadra. Nel caso di Morata, invece, la volontarietà c’è, eccome: lo spagnolo, con un gesto tecnico difficile, ha cercato il tocco vincente. Che sia arrivato o meno non è chiaro, ma sicuramente ha ingannato Handanovic, autore di una mezza papera. 

Fonte Repubblica.it

Voglio essere avvisato
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments